martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Australia. I conservatori vincono, ma è ancora caos
Pubblicato il 11-07-2016


epa05289090 Australian Treasurer Scott Morrison (C) speaks during the House of Representatives Question Time at Parliament House in Canberra, Australia, 04 May 2016. EPA/MICK TSIKAS AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

Sono terminati gli spogli delle elezioni in Australia, con la nazione che sembra avviarsi verso una paralisi politica, con una conseguente, caotica, situazione di stallo. I risultati delle votazioni, vedono infatti, sì, la vittoria dei conservatori, con la rielezione del premier uscente Malcolm Turnbull, ma con una maggioranza, così risicata, da portare all’ingovernabilità. Bill Shorten, dopo la sconfitta nelle elezioni ha già telefonato al suo avversario per congratularsi.

Con ogni probabilità, la coalizione di centro destra otterrà 74 seggi, con almeno altri due tra i cinque che devono ancora essere assegnati. I laburisti quasi certamente non otterranno più di 68-69 seggi, 4 seggi sono andati a deputati indipendenti e 1 se lo sono aggiudicati i Verdi.
Per poter governare ci vogliono 76 dei 105 seggi della Camera dei Rappresentanti, ma, attualmente, visti i numeri, tale quorum non è stato raggiunto. Vi saranno, quindi, tre deputati indipendenti su quattro che appoggeranno il governo sui fondamentali temi riguardanti il bilancio e sulle mozioni di fiducia, permettendogli così di poter contare su 77 parlamentari.

Turnbull ha dichiarato: “È un grande giorno. Abbiamo risolto queste elezioni in modo pacifico. È un passo che va celebrato e non dato per scontato”.
Egli auspica una collaborazione tra le due principali coalizioni del paese, affermando che è “cruciale che il Parlamento possa lavorare, che si possa lavorare insieme e insieme cerchiamo strade per poter trovare accordi”.

In Australia si vota ogni tre anni per eleggere chi farà parte della Camera dei rappresentanti e di metà del Senato.
Dopo aver preso il posto di Tony Abbott, suo collega di partito, oramai sgradito e malvisto dai cittadini, Turnbull è stato rieletto con queste elezioni anticipate, da lui indette, dopo aver richiesto lo scioglimento delle camere.
Conseguenza, questa, della bocciatura definitiva della riforma delle authority. Una situazione simile non si verificava dal 1987.

Alessandro Nardelli

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento