lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

TURCHIA, FALLITO GOLPE
Pubblicato il 16-07-2016


Fallito Golpe Turchia apreFallito Golpe TurchiaÈ di oltre 60 morti e centinaia di arresti il bilancio del fallito golpe iniziato ieri sera poco prima delle 22 in Turchia e conclusosi poche ore dopo, nella notte.

Un gruppo di militari avevano tentato di prendere il potere  occupando il Parlamento, radio, tv, aeroporti e chiudendo i due ponti che uniscono la parte europea a quella asiatica di Istanbul. Spenti anche i social network Facebook, Twitter e You Tube. In un comunicato letto alla Tv i militari affermavano che un ‘consiglio di pace’ è era al governo del Paese dove era stato decretato il coprifuoco e la legge marziale.

Ai proclami dei golpisti il governo civile rispondeva che i militari rivoltosi avrebbero duramente questo tentativo. Il premier Yildirim aveva denunciato questa azione dei militari definendola ‘illegale’, ‘non autorizzata’ e che il governo legittimo restava in carica. “Faremo tutto il possibile – aveva detto il premier turco  – perché prevalga la democrazia. Il colpo di stato non riuscirà e i responsabili saranno puniti. I responsabili del colpo di Stato pagheranno il prezzo più alto”. Le dichiarazioni del premier, raccolte telefonicamente, sono state diffuse dalla tv pubblica prima che i militari ne prendessero il controllo.

Golpe Istanbul 1Quanto al presidente Recep Tayyip Erdogan, uomo ‘forte’ della Turchia alla guida del Paese da diversi anni dopo aver vinto ripetutamente le elezioni alla guida del suo partito che ha connotati fortemente religiosi, secondo alcune fonti era in fuga in aereo alla volta della Germania dove avrebbe chiesto asilo. Notizie evidentemente infondate perché lo stesso Erdogan, è apparso più tardi in pubblico annunciando che il tentativo di golpe era fallito.

L’ufficiale Muharrem Kose, secondo quanto riporta l’agenzia turca Anadolu, identificato come il regista del golpe, sarebbe stato arrestato, forse ucciso, mentre è stato liberato il Capo di Stato maggiore che era stato sequestrato nel tentativo di golpe. Kose era stato rimosso nel marzo scorso dallo staff dello Stato maggiore turco.

La Turchia si è comunque svegliata in una situazione di confusione, con notizie di conflitti a fuoco per la presenza ancora di sacche di resistenza dei golpisti. Nelle prime ore della mattina sono stati riaperti i ponti sul Bosforo e l’aeroporto internazionale di Istanbul.

La storia recente della Turchia è stata più volte teatro di golpe militari contro i Governi in carica quando questi, a detta dei militari, si allontanavano eccessivamente  dalla strada di modernità e laicismo tracciata da Kemal Ataturk che aveva deposto il sultano Maometto VI nel 1922. Da leader del Partito Popolare Repubblicano, fondò la Repubblica turca di cui fu anche il primo Presidente dal 20 ottobre 1923.

Erdogan si afferma la prima volta nelle elezioni politiche del 2002 quando con il suo partito Akp ottiene il 34,3% dei voti e la maggioranza assoluta in parlamento. Da allora, di fatto, non ha mai smesso di esercitare il potere, ripristinando il ruolo della religione islamica a discapito dei costumi laici della repubblica e, utilizzando a suo favore la minaccia terroristica e l’irredentismo curdo, riducendo gli spazi di libertà e l’agibilità politica delle opposizioni.

Recep Tayyip ErdoganLe prossime ore e i prossimi giorni si riveleranno decisivi per le sorti del Paese. Dal suo insediamento Erdogan ha infatti eliminato, anche facendoli processare e incarcerare, i vertici militari che considerava non affidabili per sostituirli con uomini a lui fedeli. Questo avvenuto sarebbe dunque un colpo di coda di quella parte delle gerarchie militari che non hanno mai digerito la svolta islamista di Erdogan.

I giornali turchi in edicola, evidentemente soggetti a una censura totale, non danno nottizie questa mattina di quanto avvenuto mentre i siti web sono stati aggiornati solo con le notizie del fallimento del golpe.

Fallito Golpe Turchia 2

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento