venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Hollande: intensificheremo gli attacchi in Siria e Iraq
Pubblicato il 15-07-2016


Il presidente si è rivolto ai francesi dalla tv nella notte per confernare la lotta al terrorismo e annunciare la prosecuzione dello stato di emergenza. L’attentato di Nizza ha sconvolto il mondo civile. Messaggi di cordoglio sono giunti a Parigi da ogni parte del mondo con la condanna per quanto avvenuto. Renzi: ” I terroristi non l’avranno vinta, mai”. Nencini: “Se questa non è una guerra, seppur di tipo nuovo, cos’è”?


François HollandeIl presidente francese François Hollande, ha rivolto alle 4 della notte un messaggio ai francesi. Hollande ha sottolineato la ‘mostruosità’ di quanto avvenuto, la certezza che si fosse davanti a un attacco terroristico e la convinzione che ‘tutta la Francia è sotto la minaccia del terrorismo islamico’. Il presidente francese ha poi annunciato la promulgazione di un nuovo decreto per prolungare di altri tre mesi lo stato di emergenza che era stata deciso dopo gli attentati contemporanei a Parigi del 13 novembre scorso che avevano fatto 130 morti e ricordati da tutto il mondo come l’attacco al Bataclan, la discoteca dove si era avuto il maggior numero di vittime.  Poi, dopo aver annunciato l’intenzione di ricorrere a tutte le forze di polizia disponibili, ha ribadito che la Francia ‘intensificherà le sue azioni militari in Siria e in Iraq: “Niente – ha detto – ci farà desistere dalla nostra volontà di lottare contro il terrorismo e noi intensificheremo ulteriormente le nostre azioni in Siria e in Iraq. Noi continueremo a colpire coloro che ci attaccano sul nostro territorio”.

L’attentato di Nizza ha sconvolto il mondo civile. Messaggi di cordoglio giungono alla Francia da ogni parte con la solidarietà dei leader di tutto il mondo e la condanna per quanto avvenuto.

La Gran Bretagna si schiera “spalla a spalla con la Francia, come tanto spesso abbiamo fatto in passato”, fa sapere Theresa May, preannunciando una conversazione con Francois Hollande. La neo premier britannica riafferma poi l’impegno contro i terroristi: “Dobbiamo raddoppiare gli sforzi per sconfiggere questi brutali assassini che vogliono distruggere il nostro stile di vita”.

“Non cederemo mai a chi predica e pratica la cultura della morte contro la vita delle persone e la libertà dei popoli”, afferma il presidente Sergio Mattarella. “Insieme con gli altri Paesi dell’intera comunità internazionale, anzitutto dell’Unione Europea, proseguiremo l’impegno contro la violenza e il terrorismo, per affermare i valori di libertà, eguaglianza, fraternità, celebrati in Francia il 14 luglio”, aggiunge il capo dello Stato.

Le immagini di Nizza “continuano a rimbombare nella testa e fanno male. Ma i terroristi non l’avranno vinta, mai”, scrive Matteo Renzi in calce alla sua newsletter Enews. Renzi ha anche ritwittato un tweet del presidente francese Hollande.

“L’attacco alla Francia proprio il 14 luglio – commenta il Segretario del PSI, Riccardo Nencini – è l’attacco ai valori su cui è nata la civiltà occidentale moderna. E non si dica che la causa fondamentale che muove i terroristi va rintracciata nella povertà e nell’emarginazione. La risposta non è il relativismo, non è nella rinuncia alla nostra identità, non è nel buonismo a senso unico che ci espone al dileggio universale. Rinunciare ai nostri valori ci rende semplicemente più deboli. Se questa non è una guerra, seppur di tipo nuovo, cos’è”?

In un messaggio inviato a nome del Papa al vescovo di Nizza, mons. André Marceau, il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin scrive: “Mentre la Francia celebrava la sua festa nazionale, la violenza cieca ha colpito ancora il Paese a Nizza, facendo numerose vittime tra cui dei bambini. Condannando ancora una volta tali atti, Sua Santità Papa Francesco esprime la sua profonda tristezza e la sua vicinanza spirituale al popolo francese”.

Tra i messaggi di cordoglio per qaunto avvenuto a Nizza anche quello della comunità islamica in Italia. “Il nostro dolore s’unisce a quello dei francesi. Il mondo arabo piange assieme ai familiari delle vittime di Nizza. Siamo tutti francesi!”, commenta Foad Aodi, “Focal Point” in Italia, per l’integrazione, per l’Alleanza delle Civiltà (UNAoC), organismo ONU per il dialogo interculturale e interreligioso, e Presidente della Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai). “Tutti gli arabi e i musulmani d’Italia – aggiunge Aodi – condannano  con fermezza questi atti disumani che minacciano la vita di tutti i cittadini del mondo, senza distinzione tra cristiani, musulmani, ebrei o atei. Ci vuole la massima collaborazione da parte dei Governi per spezzare l’azione distruttiva del Daesh e dei suoi “lupi solitari”:i nostri nemici principali, nemici  della libertà e della democrazia. Solo col coinvolgimento delle associazioni e delle Comunità straniere, arabe e musulmane incluse, possiamo ottenere risultati, e intensificare al tempo stesso la prevenzione e la sicurezza internazionali. In circostanze come queste, poi, il pregiudizio verso il mondo mussulmano non fa che aggravare l’azione di chi dissemina il terrore: che –  non mi stanco di ripeterlo – nulla ha a che vedere col vero Islam. Offriamo ai Governi italiano e francese la massima disponibilità per prevenire questo franchising del terrore, consolidatosi nei nostri Paesi d’origine, così come in Europa”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento