venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il mio amico Delrio…
Pubblicato il 01-07-2016


Ieri la direzione del Psi ha lanciato un’offensiva sulla politica economica e sulla legge elettorale, ipotizzando anche lo svolgimento del referendum in tempi diversi e anche in differenti modalità. Sul piano economico il Psi suggerisce una nuova politica a favore dei ceti meno abbienti, in particolare con interventi sulle pensioni minime, sulla casa, sul fisco. Personalmente ho anche suggerito di studiare l’ipotesi di una patrimoniale che ci consenta di attenuare il debito e di chiedere ulteriore flessibilità in Europa sul tema degli investimenti pubblici. Un grande piano di 80 miliardi per infrastrutture, ambiente, energia, potrebbe portare la disoccupazione a diversi punti percentuali in meno, soprattutto quella giovanile ancora attestata a quasi il 43 per cento.

Poi c’è la questione della legge elettorale. L’asse con Alfano, Zanetti, Verdini, e anche con la minoranza del Pd, su questa materia è essenziale. Oggi il mio amico Graziano Delrio, in un’intervista al Corriere, chiude ogni possibilità di revisione dell’Italicum. Anche se poi si dichiara disponibile a discutere. Come e su cosa si potrebbe discutere se si parte dalla immodificabilità della legge pare invero misterioso. Ma forse nel linguaggio di Delrio, cosi come nella sua formazione, si nasconde l’ambiguo lessico moroteo, quello che lanciava segnali di apertura anche dietro manifeste dichiarazioni di chiusura. Ciò che francamente risulta incomprensibile è l’esplicita mitizzazione della coerenza anche di fronte al baratro. Come l’orchestrina sul Titanic che voleva completare il suo programma musicale mentre la nave stava affondando.

Si può anche cadere nel burrone perché si deve completare la corsa. Il suicidio in politica è arte rara. Ma non inconsueta. Il centro-destra approvò il Porcellum e perse le elezioni del 2006 che col Mattarellum avrebbe vinto. La legge elettorale non è un dogma. Pensate al proporzionale, conquistato dal movimento operaio con le elezioni del 1919, difeso nel 1953 dalla “provocatoria” legge truffa, poi divenuto fonte di tutti i mali agli inizi degli anni novanta e sostituito prima col Mattarellum, poi col Porcellum e infine con l’Italicum. Delrio sostiene che non bisogna fare leggi ad personam, rispondendo all’obiezione secondo la quale l’Italicum è la più idonea per la vittoria grillina, soprattutto col premio di lista. Il massimo però è fare leggi contra personam suam, coscientemente. Almeno Berlusconi col Porcellum non aveva fatto bene i conti. Oggi i conti li hanno già fatti gli elettori.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro direttore, non credo ci sia più tempo per tatticismi.
    Occorre entrare subito nel merito della questione o inevitabilmente sarà un autunno drammatico per Renzi e per chi lo sostiene.
    Dobbiamo domandarci se sarà sufficiente cambiare la Legge Elettorale, come da più parti viene richiesto, compreso noi e la minoranza del P.d. stesso, o occorre dare anche alcuni segnali, per concretizzare le misure necessarie che possano effettivamente dare delle risposte, alle attese dei giovani,dei ceti meno abbienti, della scuola e altro.
    Creare occupazione deve essere l’imperativo, con lo sblocco delle Opere Pubbliche.
    Se il tempo a disposizione da qui a Ottobre non basta, conviene rinviare il Referendum per il tempo necessario a prendere i provvedimenti indispensabili, per recuperare consenso per il SI.
    Speriamo prevalgano le ragioni del Paese, a quelle personali o di parte.

    Un Caro Saluto.

  2. caro Del Bue, ora serve chiarezza. Se ritieni (e così Nencini) che la de-forma costituzionale renziana abbia prevalenti meriti, allora voti SI indipendentemente da Italicum.
    Se invece pensi che la-de-forma sia negativa in sé -certo aggravata da Italicum (così la penso io da vecchio riformista di sinistra e così la pensano quelle centinaia di migliaia di cittadini che hanno firmati NO ai banchetti) allora decidete. E votate NO a ottobre.

Lascia un commento