sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il satrapo
Pubblicato il 20-07-2016


Una volta ebbe modo di citare anche Hitler, per sottolineare la necessità di uno stato forte. Chissà perché quando gli stati islamici sono all’attacco sbandano in questi riferimenti storici. Era già successo com Amhadinejad. Certo Erdogan si sta facendo beffe del mondo intero. Pensavate che il vero conflitto fosse con la Russia? Improvvisamente è scoppiata la pace. Anche perché di contro il sospetto che il tentativo di golpe sia stato ispirato o tollerato dagli Usa è forte. E perché quella solidarietà al governo “democraticamente eletto” arrivato a golpe sventato, puzza maledettamente di ipocrisia.

Non sarà stato un auto golpe, come qualcuno sostiene, a meno che i generali golpisti siano tutti masochisti e concertino col nemico un piano che li vede incarcerati e forse fucilati. Ma che il golpe fallito venga oggi usato per un giro di vite senza precedenti è un fatto. Diamo i dati: 9.322 arrestati, sospesi 28.321 dipendenti dei ministeri (ne hanno anche più di noi…) nonché 21mila insegnanti. Il ministero della Pubblica istruzione ha allontanato 15.200 docenti e ha chiesto le dimissioni di 1.577 tra rettori e presidi di facoltà. Travolti dalla purga anche 492 imam. Quest’ultimo dato è impressionante. Il governo islamico coinvolge anche il clero. E lo comanda. Le televisioni, ben venti, sospettate del peccato di opposizione, sono state chiuse, i passaporti bloccati.

Il satrapo non si ferma qui. Procede. Chiede agli Usa l’estradizione di Fetullah Gulen, in esilio negli Stati uniti e ritenuto l’ispiratore del golpe. Gli Usa per ora balbettano. Chiedono prove del suo coinvolgimento. Follie. Le foto che circolano sono inquietanti e ci mostrano militari nudi e probabilmente torturati, dopo che circa duecento sono stati aggrediti e uccisi nelle strade. La Turchia rappresenta una questione fondamentale per il mondo intero nella guerra al terrorismo islamico. Per gli Usa che in Turchia hanno da sempre le proprie basi e che dalla Turchia, al tempo della guerra fredda, alzavano la loro barriera nucleare sul comunismo, il paese della mezza luna è un alleato Nato fondamentale.

Per questo gli americani hanno sempre chiuso più di un occhio. Ma adesso, mentre è in atto la trasformazione del sistema turco in un regime islamico autoritario, che farà il successore di Obama? Riuscirà a far finta che la Turchia sia un paese libero, perché il suo governo è stato “democraticamente eletto”, infischiandosene della repressione, delle collusioni con l’estremismo islamico, della guerra senza quartiere ai curdi, i nostri migliori alleati nella lotta all’Isis? E la Russia dopo aver documentato i traffici tra Turchia e stato islamico attraverso il contrabbando di petrolio, che avrebbe toccato da vicino anche lo stesso Erdogan, si rimangerà le denunce, i propositi di far piena luce sull’abbattimento dei suoi jet, e cambierà rotta solo per il diverso atteggiamento di Erdogan nei confronti degli Usa? E così rinfocolando ancora quella logica bipolare che pareva decisamente superata? Domande che potrebbero trovare presto risposte affermative.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Veramente le risposte le dovrebbe trovare l’EUROPA. Che fa? Forse dà un po’ di miliardi al satrapo. La professoressa Mogherini che dice o ci fa la solita lezioncina in inglese per farci notare quanto è brava! E la signora Merkel (non so in tedesco come si dice signora) fa un nuovo patto per spedire i migranti nel sud Europa. Non sarebbe il caso che noi europei ci svegliassimo e cominciassimo ad affilare le armi: diplomatiche e full metal jacket.

Lascia un commento