sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pensioni e flessibilità. Boeri: “No a interventi estemporanei e parziali”
Pubblicato il 20-07-2016


Pensioni
BOERI: NO A INTERVENTI  ESTEMPORANEI
“Sarebbe paradossale che il confronto in atto fra Governo e sindacati sulla flessibilità in uscita si concludesse ancora una volta con interventi estemporanei e parziali”. E’ stato direttamente il presidente dell’Inps, Tito Boeri, a concludere così una lunga riflessione sulle cause e conseguenze di tutti gli interventi di riforma delle pensioni dal ’96 in poi e della riforma Fornero che con il suo brusco innalzamento dell’età di pensionamento ha creato “problemi sociali rilevanti” e a ribadire come “perpetrare il ritardo nel trovare soluzioni sostenibili rischi di alimentare ancora il ricorso a soluzioni inique e onerose, ovvero a soluzioni estemporanee e scarsamente efficaci”. Serve invece, ha rimarcato, discutere di uscita flessibile “definendo opzioni che siano al contempo chiare a chi dovrà scegliere e neutrali rispetto al debito pensionistico”. Per questo, “è molto positivo che il governo e le parti sociali siano in queste settimane al lavoro per individuare i possibili correttivi”, ha aggiunto. Certo, le misure che si annunciano “non sono prive di una certa complessità”, ed è proprio per questo che Boeri ha chiesto, rivolto alla politica e ai sindacati, una sostanziale chiarezza e trasparenza degli interventi messi a punto.”Non si può negare che rate ventennali di ammortamento di un prestito pensionistico costituiscano una riduzione pressoché permanente della pensione futura. Né si può negare che, continuando a lavorare, il contribuente avrebbe potuto accumulare un più alto montante contributivo e, dunque, il diritto ad una pensione più elevata”. Perché l’obiettivo di fondo della flessibilità in uscita, ha ammonito ancora Boeri, “non è di spingere più persone possibile ad uscire dal mercato del lavoro” ma di “garantire maggiore libertà di scelta consapevole senza dilatare il debito pensionistico e senza creare generazioni di pensionati poveri “.Alcune forme di flessibilità sostenibile, d’altra parte, per Boeri, “sono alla nostra portata” e darebbero risposte “sia a coloro che vogliono uscire dal mercato del lavoro, pur consapevoli che una scelta anticipata ridurrebbe per sempre il loro trattamento pensionistico sia a coloro che devono entrare nel mercato del lavoro”. Un sistema previdenziale flessibile, ha insistito, “favorirebbe il turnover tra vecchie e nuove generazioni e darebbe impulso ad un mercato del lavoro asfittico per effetto di una crisi economica dalla quale si fa fatica ad uscire definitivamente”.La maggiore libertà di scelta, infatti, ha proseguito il presidente dell’Inps, “può anch’essa contribuire ad alleggerire il peso che oggi grava sulla “generazione sandwich”. E questo su un doppio versante: da una parte può permettere a molte persone a fine carriera di dedicare più tempo alla loro famiglia; dall’altro può facilitare l’ingresso nel mercato del lavoro dei giovani rendendoli indipendenti prima. Il Jobs Act del governo Renzi ha funzionato e il 2015 è stato un anno di grande cambiamento nelle modalità d’ingresso dei giovani nel nostro mercato del lavoro: il numero dei contratti a tempo indeterminato è lievitato del 62% e addirittura del 76% per gli under 30 anni così come la percentuale di occupati con contratti a tempo o stagionali, tra i giovani, è scesa dal 37 al 33%. Boeri ha sintetizzato i dati sull’occupazione seguiti alla riforma sul mercato del lavoro fugando anche i timori, espressi a più ripresa dai sindacati, che la crescita delle assunzioni fosse in qualche modo ‘drogata’ dalla decontribuzione prevista contestualmente con la legge di stabilità e che lo stop all’articolo 18 innescasse una ondata di licenziamenti allo scadere dei tre anni di sgravi contributivi.”Non vi è dubbio che l’esonero contributivo triennale abbia giocato un ruolo cruciale nel cambiare la natura delle assunzioni” ha detto ma a beneficiare del provvedimento nel 2015 sono state circa un terzo delle imprese con dipendenti. E il calo delle assunzioni seguito al “grande balzo” dello scorso anno, ha annotato ulteriormente Boeri, “non è stato tale da riportarci al numero di contratti a tempo indeterminato precedente il 2015”. E’ sta qui la dimostrazione che lo sgravio previdenziale non ha alterato il meccanismo del mercato: “al netto della flessione fisiologica di inizio 2016, il numero di contratti a tempo indeterminato è salito di più di mezzo milione nel 2015. E a partire da marzo 2016 il saldo mese per mese di assunzioni e cessazioni in questi contratti sta ricalcando le dinamiche degli anni precedenti al 2015 per stabilizzarsi su questi livelli più alti”. Non solo. I numeri sembrano derubricare per Boeri anche un’altra critica, quella secondo cui il Jobs act avrebbe portato quasi esclusivamente ad una trasformazione di contratti non a nuove assunzioni: ad essere ‘trasformati’ in contratti stabili, invece, solo il 40% di lavoratori precedentemente occupati a tempo determinato. I dati inoltre non sembrano supportare neppure l’accusa per cui la sterilizzazione assicurativa avrebbe di fatto agevolato un sostanziale turn over tra lavoratori ‘vecchi’, più costosi, e nuovi, meno onerosi per l’esonero contributivo: “si può stimare che quasi l’80% dei rapporti esonerati si è verificato in presenza di una crescita dimensionale dell’impresa. E i dati Inps smentiscono pure i timori legati alla riforma dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori secondo cui il superamento della cosiddetta “reintegra” avrebbe amplificato i licenziamenti. “Non sembra essere stato così. L’incidenza dei licenziamenti nel 2015 è diminuita del 12% in confronto all’anno precedente, molto di più di quanto ci si sarebbe potuto aspettare alla luce del miglioramento del quadro congiunturale (ad esempio nel 2010 il tasso di licenziamento si era abbassato del 3% rispetto al 2009, nonostante la ripresa quell’anno fosse stata più accentuata)”, ha sintetizzato ancora Boeri che ha concluso: “il contratto a tutele crescenti non è fatto per licenziare, ma per stabilizzare l’impiego, incentivando investimenti in capitale umano”.

Alternanza scuola-lavoro
COINVOLTI 500MILA RAGAZZI
Ha compiuto poco più di un anno la legge 107 approvata il 13 luglio 2015 che ha introdotto e regolamentato l’obbligo di alternanza scuola-lavoro (partito lo scorso settembre) da svolgersi per tutti gli alunni nell’ultimo triennio delle scuole secondarie di secondo grado. “Una vera e propria rivoluzione, che questo governo ha inteso sostenere anche finanziariamente con una dote di 100 milioni di euro all’anno”, aveva ricordato a ottobre il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, aggiungendo che “quest’anno avremo almeno 500mila ragazzi impegnati obbligatoriamente nell’alternanza. A regime, sul triennio, saranno circa un milione e mezzo gli studenti coinvolti”. Dal comma 33 al 38 della legge si parla infatti di alternanza scuola-lavoro nelle scuole secondarie di secondo grado, da svolgersi anche in periodo estivo, mentre dal comma 39 al 44 sono previsti finanziamenti e un registro presso le Camere di commercio per le imprese che realizzeranno l’alternanza. Il ‘Registro nazionale per l’ alternanza’, però, non è ancora decollato e fa discutere l’obbligo di una doppia ‘tassa’ che le aziende devono pagare per iscriversi: si tratta dell’imposta di bollo, pari a 65 euro, e dei diritti di segreteria, pari a 90 euro (con qualche agevolazione per le coop sociali). L’alternanza scuola-lavoro è un percorso finalizzato ad avvicinare lo studente con il mondo del lavoro, facendo fare ai ragazzi delle esperienze dalla durata variabile direttamente sul posto di lavoro, solitamente nei mesi di giugno, luglio e settembre, non solo in aziende private ma anche in studi professionali, enti pubblici e associazioni non profit. L’alternanza è un diritto-dovere per tutti gli studenti delle terze, quarte e quinte classi delle scuole superiori, e non solo per i ragazzi delle scuole tecniche e professionali ma anche dei licei: 400 ore (200 per i licei) all’anno da fare in azienda, in una realtà lavorativa. L’alternanza si rivolge agli studenti della scuole secondarie di ogni ordine (licei, istituti tecnici, professionali e artistici) che abbiano compiuto il quindicesimo anno di età e che mostrino propensione per le metodologie e gli ambienti di ‘apprendimento attivo’. Tra gli obiettivi quelli di collegare le istituzioni scolastiche e formative con il mondo del lavoro e della ricerca; di sostenere l’innovazione metodologica e didattica e contrasta la dispersione scolastica.

Carlo Pareto 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento