sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Referendum. Nencini: Si possono fare 5 quesiti – Intervista al Corriere della Sera
Pubblicato il 11-07-2016


Corriere della Sera 11 luglio 2016
Intervista:  Il segretario del Psi Nencini: sbrighiamoci a raccogliere le firme
Si possono fare 5 quesiti

Riccardo Nencini, viceministro delle Infrastrutture, adesso si sta parlando di «spacchettare» il referendum costituzionale…
«Già, noi socialisti, insieme coni radicali, siamo stati i primi a dirlo. La Costituzione parla chiaro sui referendum».

Ovvero?
«Il quesito referendario deve essere perfetto per essere inequivocabile. E in questo referendum noi dobbiamo rispondere a tante domande: dall’abolizione del Cnel, al Senato, alla ripartizione dei poteri. Un quesito unico crea confusione».

Quanti ce ne vorrebbero secondo lei?
«Almeno cinque quesiti. Poi ci pensino i costituzionalisti e i giuristi a fissare i giusti principi costituzionali. Ma Riccardo Nencini sbrighiamoci a farlo. A riscriverli. Il termine per poterlo fare scade il 14 luglio».

Secondo lei si fa ancora in tempo?
«Certo non a raccogliere 50o mila firme, in quattro giorni. Però per chiedere lo spacchettamento bastano anche un quinto dei senatori e un quinto dei deputati, ovvero meno di duecento parlamentari».

Si darà da fare per questo?
«Sin da subito, certo. Ne ho già parlato con il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova».

Per raccogliere le firme tra i parlamentari?
«Certo la cosa più importante è parlare subito con il Pd: l’iniziativa deve partire dalla maggioranza di governo».
Alessandra Aratili

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento