sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sanders, un altro Tsipras?
Pubblicato il 26-07-2016


La Convenzione Nazionale Democratica a Filadelfia si è aperta con due immagini contrastanti: da una parte la trionfale incoronazione di Hillary Clinton come candidata democratica, dall’altra la rabbia e le lacrime dei sostenitori di Bernie Sanders, furiosi per la conferma dei favoritismi del Partito Democratico nei confronti di Hillary Clinton (svelati dalle e-mails diffuse da WikiLeaks) e delusi dall’endorsement nei suoi confronti arrivato nonostante tutto da Sanders.

da: https://www.facebook.com/berniesanders

da: https://www.facebook.com/berniesanders

Cosa lo ha spinto a questa scelta? Realismo politico, sincera preoccupazione per il pericolo rappresentato da Trump, pressioni a cui non ha saputo o voluto resistere, cedimento al solito ricatto del “votare il meno peggio”?

“Capisco che molta gente qui alla convention e in tutto il paese sia delusa dei risultati finali del processo delle primarie e io sono il più deluso di tutti” ha ammesso Sanders nel suo discorso, interrotto da acclamazioni, ma anche da fischi. Ha poi esortato i suoi sostenitori a essere orgogliosi della storica impresa compiuta e insistito che la rivoluzione iniziata con il movimento creatosi intorno alla sua candidatura va avanti e ha bisogno dell’impegno di tutti. Ha quindi ribadito l’importanza di sconfiggere Trump e la sua politica di odio e fanatismo, la ragione principale addotta per il sostegno concesso a Hillary Clinton.

La pagina Facebook di Sanders riflette ormai da tempo il contrasto tra le sue dichiarazioni, che riprendono tutti i temi della campagna (lotta alla povertà e alle disuguaglianze, denuncia dello strapotere di Wall Street e della sua influenza sulla politica, salario minimo, sanità garantita, ecc) e i messaggi dei suoi sostenitori, che lo implorano di non appoggiare Hillary Clinton e sfogano tutta la loro indignazione contro il sistema truccato che le ha consentito di vincere. Molti dichiarano che non voteranno mai per lei e si schierano con Jill Stein, la candidata del Partito Verde completamente oscurata dai media e qualcuno arriva provocatoriamente a scegliere Trump.

“Ho il cuore spezzato come tutti gli altri sostenitori di Sanders” dichiara uno di loro, aggiungendo poi che Sanders sta facendo quella che ritiene la cosa giusta e che non bisogna prendersela con lui per questo. “Dobbiamo essergli grati per quello che ha fatto” prosegue. “Ha risvegliato in milioni di persone la consapevolezza del potere e della forza e la sua eredità cambierà la politica per il resto della nostra vita. Bernie Sanders è la scintilla, ma il fuoco siamo noi. La rivoluzione non si può fermare. Noi siamo il futuro di questo paese.”

Sarà davvero così? La delusione di migliaia di volontari e attivisti per la scelta di Sanders li porterà allo scoraggiamento e all’impotenza e si trasformerà in una sensazione di tradimento, come è successo in Grecia con Tsipras? La rivoluzione tanto invocata riuscirà ad andare avanti anche senza il leader che l’ha avviata? Come sempre, dipenderà da ogni persona e dalle sue scelte.
Anna Polo
dal sito di pressenza

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ma che altro poteva fare Sanders? Ritirarsi? Dare addosso alla Hillary e dare così un mano a Trump? Il complesso militare.industriale che comanda negli USA ha già sopportato assai le idee – buone – di Sanders. I suoi supporters vogliono di più? Ottimo, vadano avanti a chiedere giustizia sociale e libertà.

Lascia un commento