lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Theresa addio
Pubblicato il 25-07-2016


La Gran Bretagna è fuori eppure è ancora dentro. Il Trattato di Lisbona prevede che le pratiche per il divorzio possano durare almeno due anni. Theresa May ha intenzione di utilizzarli tutti. L’Italia non ha grandi scambi commerciali con la Gran Bretagna. La Germania sì. Tutto deporrebbe per negoziati celeri. Soprattutto in una fase di tanta delicatezza geopolitica, una parola chiara, e rapida, converrebbe a ciascuno dei contraenti il patto dell’Unione Europea. Nell’incertezza, quando sono d’obbligo decisioni risolute, a lungo andare nessuno ci guadagna. Nell’immediato, invece, è la Germania a guadagnarci: trattative lunghe, garanzia maggiore per l’interscambio tra i due Paesi, e nel mezzo vuoto politico che si è aperto per l’attacco degli speculatori internazionali contro i soggetti più deboli.
Tirarla per le lunghe non conviene né all’U.E. né al futuro dell’Europa. E il fatto che convenga alla Germania non è affatto una buona ragione.
Riccardo Nencini

 

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Questa volta hai ragione., come sul congresso straordinario del PSE.
    O dentro o fuori e se è fuori lo si faccia celermente.
    Fraterni saluti
    Compagno Maurizio Molinari
    federazione di Torino

Lascia un commento