giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Atp di Los Cabos: Lopez delude in California contro un Karlovic al top
Pubblicato il 24-08-2016


atp los cabosMentre sono in atto le Olimpiadi di Rio 2016, nella Bassa California del Sud si è disputato l’Atp di Los Cabos. Il torneo prende il nome dall’omonimo Comune di poco più di 164mila abitanti (164.162 per l’esattezza), con una superficie di quasi tremila km² e mezzo (pari a 3.451,51 per la precisione).In finale ad affrontarsi erano la testa di serie n. 1, Feliciano Lopez (34 anni), e la testa di serie n. 3 del seeding Ivo Karlovic. Se lo spagnolo ha deluso, il croato è sembrato davvero in forma, riuscendo a conquistare il trofeo soprattutto grazie al potente e regolare servizio. Se il match di finale è stato, tutto sommato, abbastanza equilibrato (specie per quanto riguarda il primo set terminato poi al tie-break), spesso la differenza il 37enne di Zagabria l’ha fatta con gli aces: ne ha piazzati 13 contro i soli 3 dell’avversario, con cui ha regolato spesso i conti ristabilendo la parità e consolidando il vantaggio. Non è una novità, dati i suoi due metri e 11 di altezza (è il tennista più alto del circuito Atp); ma soprattutto dato il doppio record che è riuscito a conseguire: quello del servizio più veloce, piazzando una battuta a 251 km/h nel 2011 in un match di Coppa Davis (primato poi strappatogli l’anno successivo da Samuel Groth, che arrivò a servire fino a 263 km/h); e quello del maggior numero di aces piazzati: è riuscito a metterne a segnocirca 10.247 in totale nel 2015, superando il connazionale Goran Ivanisevic (l’altro croato che gli assomiglia anche in particolare per questo connotato di alta statura e di punti conquistati al servizio con aces). Numeri da manuale, che fanno sì che i suoi incontri siano basati su pochi scambi.

Tuttavia Karlovic è sembrato al top della condizione fisica anche per l’impostazione di gioco. Non solo per Lopez è stato difficile, ovviamente, strappargli il servizio, ma anche attaccarlo. Spesso, infatti, è stato costretto a stare sulla difensiva con il croato che è venuto più volte a rete. Specialmente nel primo parziale, lo spagnolo ha sbagliato molti passanti e non ha saputo tenere a fondo Ivo. Se quest’ultimo ha concesso qualcosina di più nel protrarsi degli scambi da fondo campo appunto, Feliciano ha peccato clamorosamente le uscite a rete: tentando lui stesso l’attacco per uscire dall’impasse in cui si era trovato costretto e imbrigliato, ha sbagliato molte volée anche facili. Come del resto il croato, in particolare per quanto riguarda il primo set, finito infatti al tie-break (per 7 punti a 5); molte le occasioni sciupate da entrambi, tutto più facile per Karlovic nel secondo set conclusosi con un netto 6/2 a suo vantaggio.

Stranamente poche le palle corte e le smorzate giocate e tentate dallo spagnolo, forse più a suo agio sulla terra rossa piuttosto che su una superficie veloce come quella dell’Atp di Los Cabos. Per Karlovic si tratta del secondo titolo stagionale (dopo la vittoria sull’erba a Newport contro Gilles Müller, conquistata al terzo set per 62-7, 7-65, 7-612) e dell’ottavo in carriera. Se già in semifinale il croato aveva convinto contro Dusan Lajovic, dominandolo e imponendosi facilmente nel primo set sempre per 6/2; di certo poi il ritiro sull’1-1 di quest’ultimo è volto tutto a suo favore. Viceversa, una semifinale più complicata per Lopez, apparso subito in grossa difficoltà nel primo set contro il connazionale Pablo Carreno Busta, facendosi sorprendere da questa wild card per 2/6. Poi con l’esperienza ha rimontato con un doppio 6/3, ma non è apparso decisamente il solido Lopez di sempre, anzi molto falloso e assai più del solito. Sicuramente un po’ di amarezza per lui e un po’ di delusione.

Barbara Conti

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento