venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Confermare e rinnovare una tradizione gloriosa
Pubblicato il 08-08-2016


Il 2016 sarà l’anno di svolta del nostro partito. La nuova segreteria nazionale, ha nuovi volti e tanto entusiasmo che ridarà ulteriore linfa al PSI.

Anno di svolta per la comunità dei socialisti italiani, ma anche della coalizione di centro sinistra e del Governo Nazionale: il referendum sancirà la fine della seconda repubblica e l’inizio di una nuova fase politica per il Paese che dovrà vederci come protagonisti e reali interpreti delle istanze riformiste, rimettendo al centro il valore della coalizione dove il Premier sarà garante dell’intera coalizione e non solo il leader di un partito.

Il Psi è il più antico partito italiano. Il nostro compito consiste nel confermare e rinnovare una tradizione gloriosa: occorrerà immaginare e approntare nuovi modelli organizzativi che sappiano proiettare nel futuro sia la storia socialista, sia le nuove istanze e i nuovi valori riformisti. La missione dell’intero gruppo dirigente sarà  trasmettere con maggiore efficacia il messaggio socialista ad una platea più ampia. In questa iniziativa di rilancio dell’attività socialista è fondamentale ripensare il modello organizzativo della nostra comunità: la stagione congressuale nei territori, che si chiuderà il prossimo 30 settembre, avrà il compito di semplificare la  macchina organizzativa territoriale, favorendo la diffusione dai livelli nazionali ai singoli iscritti di tutte le attività che i socialisti mettono in campo in Parlamento, nei Consigli Regionali fino ad arrivare ai livelli locali.

Punto cardine sarà la campagna di tesseramento per il 2016, che è entrata nel vivo proprio nelle ultime settimane. L’impegno è di fare un altro passo in avanti. Dobbiamo puntare ad una crescita degli iscritti che è condizione indispensabile per una maggiore strutturazione della nostra presenza e iniziativa politica. In verità si intravvedono già confortanti segnali di crescita della nostra presenza nei territori, a seguito delle ultime amministrative, dove abbiamo registrato una presenza cospicua di compagni che sono ritornati a “vivere il partito”.

Ovviamente la crescita del PSI necessita di un impegno e di una attenzione maggiore all’organizzazione delle nostre forze. A cominciare dal tesseramento che non va più considerato come un impegno minore o un’appendice secondaria del lavoro politico. Per questo la Segreteria ha deciso di lanciare il tesseramento 2016 per tempo, dando la possibilità ai singoli e alle federazioni provinciali di iniziare, sin da ora, una campagna che si concluderà il 31 dicembre prossimo.

La raccolta di adesioni è strettamente legata a un’iniziativa politica esterna. “Il futuro è adesso” rappresenta per i socialisti italiani l’opportunità di una affermazione nello scenario politico nazionale, ma ancor di più, potrà rappresentare un punto di svolta nella sinistra riformista italiana al governo.

Enzo Maraio
Responsabile nazionale organizzazione del Psi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Compagno Maraio, non ho il piacere di conoscerti personalmente, comunque hai la mia piena fiducia.
    Ti comunico che ho rinnovato la tessera con un versamento tramite bollettino Postale esattamente il 30 di Maggio c.a.
    Sarei un po più cauto nel giudizio sulla rinnovata Segreteria.
    Mi risulta che fanno parte della Segreteria più elementi che nel recente passato, si sono espressi non in termini fiduciosi nei confronti del Partito e del Segretario stesso, propensi a fare il salto della Quaglia al momento opportuno.
    Mi domando e ti domando come possono costoro credere nel futuro del Partito?Quali sono stati i criteri di scelta per l’organo più importante del Partito?
    Buon Lavoro.

Lascia un commento