martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

I copioni
Pubblicato il 03-08-2016


Era successo alla bella moglie di Trump che aveva preso alla lettera le frasi di Michelle Obama e si era commossa come lei. Anche le lacrime erano identiche. Adesso tocca a Virginia Raggi, il o la sindaco o sindaca di Roma. Lei sembra sempre davanti al lupo cattivo che gli chiede “che occhi grandi che hai e che orecchie grandi che hai (queste davvero…)”. Guarda con gli occhi stupiti, allarga le orecchie e ti sciorina una relazione presa in parte dal programma dei verdi e dall’agenda digitale. Possibile che non s’accorgano, costoro, che i giornalisti non sono distratti come i professori di una volta? Il finale è ancora più esaltante. Virginia, finito di leggere la relazione, lascia il Consiglio perché deve andare a prendere il figlio di otto anni a scuola. Possibile che se un uomo fa il sindaco a prendere il figlio a scuola vada la moglie, mentre se è la donna che è sindaco allora debba andarci lei? La parità tra uomo e donna non è prevista alla Casaleggio srl?

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento