domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

A Berlino il Congresso mondiale per la Pace
Pubblicato il 22-09-2016


simbolo-pace-budapest-720x540Il congresso organizzato dall’International Peace Bureau si svolgerà dal 30 settembre al 3 ottobre all’Università Tecnica di Berlino e si concentrerà sull’attuale tendenza alla militarizzazione globale, con la possibilità che scoppino nuove guerre.

Tale tendenza contrasta con il bisogno di una reale trasformazione globale. Per realizzare un cambiamento sociale e creare una cultura di pace, è necessario utilizzare i miliardi di dollari investiti nelle spese militari per intervenire sul cambiamento climatico, promuovere la pace e la sicurezza a livello mondiale, incoraggiare lo sviluppo sostenibile, finanziare progetti umanitari e promuovere la giustizia sociale.

Oltre a essere Media Partner dell’evento, Pressenza sarà presente con uno stand informativo e parteciperà a diversi eventi nel corso del congresso.

Di seguito i workshop organizzati da diverse realtà umaniste:

1. Militarismo ed etica: qual è il ruolo dei media?

Sabato 1° ottobre dalle 16,30 alle 18,30 – Aula A11

Pressenza

Assistiamo a un terrificante aumento della violenza a livello globale, con migliaia di vittime civili e milioni di rifugiati. I governi occidentali sono stati costretti a reagire, ma come soluzione hanno offerto solo un aumento della militarizzazione e la collaborazione con dittatori. Queste azioni contrastano con i nostri valori e aumentano la mancanza di credibilità. Come possiamo affermare i nostri valori legati alla pace e ai diritti umani? Come fanno i produttori di armi a esportarle in paesi dove i diritti umani vengono violati? Come è legato tutto questo alla crisi dei rifugiati che colpisce l’Europa del sud e alla crescente militarizzazione dell’Europa dell’est? Come vengono mostrati tutti questi temi nei media?

Jürgen Grässlin, Aktion Aufschrei,

Dana Feminová, Mondo senza Guerre e senza Violenza, Repubblica Ceca

Olga Pateraki, Mondo senza Guerre e senza Violenza, Grecia

Olivier Waubant, Pressenza

Modera:

Johanna Heuveling, Pressenza

2. Il reddito universale di base (RUB)- Un grande passo avanti verso una vera pace sociale

Sabato 1° ottobre dalle 16,30 alle 18,30 – Aula A26

Umanisti per il reddito universale di base

  1. Introduzione su ciò che dovrebbe essere un reddito universale di base (RUB), breve spiegazione dei concetti legati a questa idea, esposizione dei punti di vista dei vari oratori.
  2. Domande dei partecipanti sul modo in cui un RUB influirebbe sulla loro vita quotidiana e su quella delle persone a loro vicine. Lo scopo è quello di favorire una riflessione personale sul tema.
  3. Interscambio su queste riflessioni personali in gruppi di 3 o 4 persone e condivisione delle conclusioni con il resto dei partecipanti (30 minuti).

Juana Pérez Montero, Pressenza

Mayte Quintanilla, Umanisti per il reddito universale di base

Ángel Bravo, Umanisti per il reddito universale di base

Daniel Häni, Comitato del Referendum per il reddito di base, Svizzera

3. Non abbiamo bisogno delle armi nucleari – le verità nascoste dietro all’affare delle armi nucleari

Sabato 1° ottobre dalle 16,30 alle 18,30 – Aula A28

Partito Umanista belga e Partito Umanista Internazionale

Il 6 agosto 1945 la prima bomba atomica è stata sganciata sulla città giapponese di Hiroshima e il mondo sconvolto è entrato nell’era nucleare. La produzione di elettricità da parte delle centrali nucleari è una delle conseguenze del terrorismo militare-industriale. Abbandonare il nucleare civile e militare è possibile, sviluppando il progresso e la sicurezza, eliminando la fame e la povertà, preservando l’ecosistema e lottando contro il riscaldamento globale. Questa direzione è una possibilità che apre la strada verso la pace, la solidarietà, la spiritualità e la nazione umana universale. Esistono già degli esempi. Questo cambiamento è possibile nei prossimi trent’anni. Compiamo questa scelta audace!

Charles Ruiz, Partito Umanista Internazionale

4. Evento di fronte all’università:  “Simbolo della Pace e della Nonviolenza”

Sabato 1° ottobre, 19,30

Con lo slogan “La riconciliazione è l’unico modo per arrivare alla pace”, formeremo il Simbolo della Pace e della Nonviolenza con la luce dei nostri telefoni cellulari.

5. Workshop esperienziale: Il contatto con il meglio di se stessi come via per raggiungere la pace e la comprensione

Domenica 2 ottobre, dalle 10,30 alle 12 – Aula B5

Messaggio di Silo Berlino

Non si tratta di una conferenza o di una spiegazione teorica. Il workshop riguarda la connessione tra l’atteggiamento personale e il suo impatto sul mondo, invita a fare un’esperienza e comprende riflessioni personali e interscambio.

Ivetta Csongradi, Messaggio di Silo Berlino

Mariana Garcia Morteo, Messaggio di Silo Berlino

Michael Steinbach, Messaggio di Silo Berlino

6. Documentario “Oltre alla vendetta”  

Domenica 2 ottobre, 16,30

Prima mondiale con Luz Jahnen e Alvaro Orus

——————

A questo link

https://www.ipb2016.berlin/wp-content/uploads/2016/01/Program-Berlin-Congress-Third.pdf

si trova il programma aggiornato e completo del congresso, che comprende:

–      nuove adesioni, come quella del Nobel Peace Center e di BetterWorldLinks

–      oltre 200 oratori tra sessioni plenarie, tavole rotonde e workshops

–      eventi musicale e culturali e iniziative che si svolgeranno durante il congresso

–      e molto altro.

Il programma e le informazioni più rilevanti si trovano anche nell’app “IPB WC2016”:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.latelierdesapplis.ippnw

https://itunes.apple.com/fr/app/ipb-wc-2016/id1140184322?mt=8

http://ipbwc.mobi/

Per registrarsi: https://www.ipb2016.berlin/event/ipb-world-congress-berlin/

Olivier Turquet
Pressenza

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento