martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ferma la disoccupazione. Boom degli over 50
Pubblicato il 30-09-2016


Pensioni-PolettiLa disoccupazione rimane ferma. Secondo i dati dell’Istat infatti i senzalavoro, nel mesi di agosto, sono pari all’11,4%. Un numero invariato rispetto al mese precedente, con 2,9 milioni di persone in cerca di occupazione. Anche il tasso di occupazione resta stabile al 57,3%, così come il tasso di inattività che resta stabile al 35,2%. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), sempre ad agosto, risulta invece pari al 38,8%, in calo di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente. Nella stessa fascia di età, il tasso di occupazione rimane invariato al 16,0%.

“Il mercato del lavoro registra, ad agosto, un leggero incremento determinato essenzialmente dalla crescita dei lavoratori dipendenti permanenti”. Ha affermato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, commentando i dati Istat e sottolineando che “dall’insediamento del governo Renzi, gli occupati sono +589mila: erano 22milioni e 179mila, oggi sono 22milioni e 768mila”. Poletti ha poi evidenziato che “si conferma lo spostamento dell’occupazione verso il lavoro dipendente stabile”: “rispetto ad agosto 2015, infatti, i dipendenti permanenti aumentano di 253mila unità”. Con questi dati, ha sottolineato il ministro, “vengono smentite le illazioni secondo cui l’aumento dell’occupazione sarebbe riferito principalmente ai voucher o a lavori occasionali”.

Le dinamiche occupazionali del mese di agosto evidenziano un trend  positivo per il lavoro femminile e l’occupazione degli over-50. Rispetto a luglio l’Istat rileva un aumento delle donne occupate pari a 41 mila unità (+0,4%), a fronte di un calo degli uomini occupati pari a 28 mila unità (-0,2%). Anche rispetto ad agosto 2015, si registra un aumento per le lavoratrici pari a 91 mila unità (+1%), mentre per i lavoratori l’incremento si ferma a 71 mila unità (+0,5%). L’incremento maggiore degli occupati ad agosto riguarda le persone di 50 anni o più, che crescono di 50 mila unità (+0,6%) nel confronto mensile e di 401 mila unità (+5,4%) nel confronto annuale. Rispetto ad agosto 2015 sono l’unica fascia di età che vede una crescita degli occupati.

Ad agosto la stima degli occupati registra un lieve incremento rispetto a luglio (+0,1%, pari a +13 mila unità), dopo il calo registrato il mese precedente (-0,3%). Nel confronto con agosto dello scorso anno, si rileva un aumento di 162 mila occupati (+0,7%). In particolare, per i lavoratori a tempo indeterminato si registra un incremento su base mensile dello 0,3% (+45 mila) e su base annua dell’1,7% (+253 mila).

A salire è anche l’inflazione che torna a salire, almeno su base annua, dopo sette diminuzioni tendenziali consecutive. Quest’inversione di tendenza, anche se di un timido 0,1%, spiega l’istituto di statistica, è dovuta principalmente al marcato ridimensionamento della flessione dei prezzi dei beni energetici sia non regolamentati (-2,7%, da -7,0% di agosto) sia regolamentati (-4,1%, da -5,9%) e, in misura minore, alla ripresa della crescita tendenziale dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti. Ma è presto per festeggiare. “L’uscita dalla deflazione è ancora estremamente timida e la crescita dei prezzi dello 0,1% non basta a cantare vittoria – afferma il presidente del Codacons Carlo Rienzi -. La crescita limitata dei prezzi che aumentano appena dello 0,1% su base annua non può rassicurare il Paese”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento