martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Fertility day: chieste le dimissioni della Lorenzin
Pubblicato il 22-09-2016


Foto Roberto Monaldo / LaPresse 22-09-2016 Roma Cronaca Protesta all'esterno durante lo svolgimento del Fertility Day Nella foto Un momento della protesta  Photo Roberto Monaldo / LaPresse 22-09-2016 Rome (Italy)News Protest during the Fertility Day In the photo A moment of the protest

Foto Roberto Monaldo / LaPresse

Non si placano le polemiche sul FertilityDay. Il secondo tentativo del Ministro della Salute a favore della natalità è stato più disastroso del primo, tanto che un centinaio di persone si sono riunite per chiedere le dimissioni di Beatrice Lorenzin, alla protesta del Fertility Fake.
Cuscinone, clessidra e “gran faccia tosta”. È il ‘kit’ richiesto per il ‘Fertility Fake’, la ‘contromanifestazione’ che si sta svolgendo in queste ore in 12 piazze italiane da Roma (dove sono state scattate le foto di questa gallery) a Milano, da Trieste a Bari. Una ‘risposta’ al Fertility Day voluto dal ministero della Salute, che si celebra oggi. Diverse le associazioni in campo, fra cui Rete della Conoscenza (network che aderisce all’Unione degli Studenti e a Link-Coordinamento Universitario). L’invito è: “Porta in piazza la tua attesa”. Il governo, si legge sulla pagina Facebook dell’evento, “ci incita a fare figli, e a farli presto. Molti/e di noi vorrebbero pure… e infatti #siamoinattesa. Di asili nido, welfare, reddito”. Sarà, promettono gli organizzatori, “un grande #FertilityFake! A Roma e in tante altre piazze”.

La protesta partita sul web ha visto l’adesione di alcune organizzazioni e associazioni, tra cui Cgil, Arci, Act, Artemisia, Rete della conoscenza, Anddos, Unite in rete, Libere tutte, Coordinamento contro la violenza di genere e il sessismo, A Sud e Udi, Unione donne in Italia. Manifestazioni di protesta ci sono state anche in altre città italiane. I manifestanti all’ingresso di via Alibert, dove si svolgeva una delle tavole rotonde del Fertility Day hanno chiesto le dimissioni del ministro della Salute Beatrice Lorenzin e di essere ricevuti all’interno per poter parlare.

“Nel Fertility Day parliamo di salute, poi c’è l’aspetto politico e nella politica ci sono le strumentalizzazioni, e mi sa che c’è un sacco di gente che aspira a fare il ministro della Salute: va benissimo, ma io intanto mi occupo di cose vere”, ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a margine dei lavori della tavola rotonda sul Fertility Day a Roma che ha aperto questa mattina. Lorenzin ha quindi ribadito come la sua priorità sia quella di occuparsi di “cose vere: parlo dei livelli essenziali di assistenza e del Fondo sanitario nazionale”. Dunque “che io – ha aggiunto il ministro – debba passare intere giornate a fare speculazioni su una foto della campagna non va bene, posso occuparmene un giorno, ma poi chi è responsabile dell’accaduto va a casa”. Spiegando quindi l’episodio relativo alla foto della campagna sul Fertility, accusata di razzismo, Lorenzin ha affermato che le era stata presentata una foto diversa da quella in oggetto: “Perchè fosse diversa non lo so e i responsabili se ne devono assumere la responsabilità, ma al di là di questo – ha concluso – è importante parlare del problema di salute legato all’infertilità, ed è importante rilanciare l’attenzione sulle malattie sessualmente trasmesse, che sono in aumento”.

Tuttavia anche in Parlamento si inizia a pensare alle dimissioni della Ministra, a partire da Nicola Fratoianni (Sel) e da alcuni esponenti del Pd, come la responsabile ‘infanzia’ del partito, Vanna Iori

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento