venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il Campidoglio ufficializza l’addio alle Olimpiadi
Pubblicato il 29-09-2016


Roma-mafia-CampidoglioGiunta Raggi senza pace. Nel giorno in cui si vota ufficialmente il no alle Olimpiadi del 2024 si apre un giallo sulle dimissioni del Ragioniere generale del Campidoglio Stefano Fermante che avrebbe deciso di lasciare il proprio incarico anche se fonti vicine al Campidoglio smentiscono questa circostanza.

Secondo quanto anticipato da Repubblica, Fermante avrebbe deciso di fare un passo indietro consegnando un dossier di 20 pagine che restituirebbe la foto di una città sull’orlo del default. “Fermante è regolarmente al lavoro”, dicono però fonti di Palazzo Senatorio, mentre il diretto interessato ancora non ha ancora fornito nessuna dichiarazione ufficiale in un senso o nell’altro.

L’assemblea capitolina ha approvato a maggioranza la mozione del M5S per dire no alle Olimpiadi. La mozione “impegna il sindaco e la sua giunta affinché ritirino la candidatura della città a ospitare le Olimpiadi e Paralimpiadi del 2024 e a tal fine adottino gli atti e le iniziative necessarie. Per la mozione che chiede il ritiro della candidatura. Hanno votato a favore 30 consiglieri. Contrari invece 12. L’unico dell’opposizione ad avere dichiarato voto favorevole per la mozione del No è stato Stefano Fassina di Sinistra per Roma.

Il sindaco è poi tornato a parlare di posti vacanti e assicura che dopo la revoca dell’ex procuratore della Corte dei Conti De Dominicis e il no di Tutino in settimana saranno resi noti i nomi dei due assessori mancanti: Bilancio e Partecipate.  Per il momento assume su di se la delega al bilancio.

Edoardo Gianelli

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento