sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Israele, avanguardia
della cannabis medica
Pubblicato il 12-09-2016


israelecanne

Israele, un paese di pionieri anche per quanto riguarda la cannabis medica. Nella giornata di martedì 13 settembre  si conclude a Tel Aviv l’International Medical Conference Cannabis, dove medici e studiosi israeliani stanno portando avanti nuovi studi clinici per provare ad ampliare l’uso della cannabis per curare altre malattie. La tolleranza nei confronti della marijuana non è una novità in Israele e l’aspetto che sembra lontano dalla politica italiana è che un tema così delicato non è oggetto di strumentalizzazioni politiche. Likud e Socialisti, infatti, sembrano essere d’accordo sul maggior utilizzo della cannabis a fini terapeutici. Proprio a giugno, per esempio, il governo, attraverso il ministro della Salute, Ya’akov Litzman, ha approvato una riforma per estendere e modernizzare l’utilizzo della cannabis in campo medico. Il testo approvato dalla Knesset permette di acquistare la cannabis nelle farmacie autorizzate, sono stati ridotti i limiti per i coltivatori di marijuana e sono aumentati il numero di medici che possono prescrivere la cannabis terapeutica.

Infine è avvenuta una reale deburocratizzazione per accedere al farmaco, che potrà essere ottenuto dai pazienti grazie ad una semplice prescrizione medica e non attraverso i cavilli burocratici previsti dal Ministero della Salute.

La parola d’ordine nel settore della marijuana medica è la ricerca. Nel Paese all’avanguardia dal punto di vista tecnologico e scientifico è quasi una logica conseguenza investire anche in questo ambito. Già, ma la marijuana in Israele non è qualcosa per i radical chic (o quantomeno non solo). I numeri delle persone che necessitano della marijuana a fini medici, infatti, dicono ben altro. Fino ad oggi sono circa 23 mila i cittadini israeliani che si curano attraverso la cannabis medica. Cifre destinate a crescere, soprattutto se la marijuana verrà estesa anche per curare altre malattie. La sperimentazione e le discussioni scientifiche, come dimostra la Conferenza di Tel Aviv, confermano che si sta procedendo in questa direzione. Al momento la cannabis è in fase di sperimentazione clinica e il suo utilizzo è stato approvato per contribuire a curare la colite, il morbo di Crohn, alcuni sintomi di pazienti con paralisi celebrali, epilessia nei bambini, sindrome di Tourette, morbo di Parkinson, alcuni sintomi dell’autismo e qualche effetto collaterale nelle cure per il cancro. Mentre altri studi futuri sostengono che la cannabis potrebbe essere utilizzata per il trattamento dell’artrite, disturbo da stress post traumatico e infiammazione degli occhi.

Valerio Morabito 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento