domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Marianna approda
a Ferrara
Pubblicato il 19-09-2016


marianna

Ancora non è ben chiaro l’iter che questa formazione politica avrà. Neanche il fondatore, Giovanni Negri è riuscito ad individuare ad oggi, la formula più opportuna per definire “La Marianna”. Che senza dubbio è un agglomerato di idee e principi ben saldi e definiti, ancorati alla tradizione radicale e non solo, che mira di fatto ad accogliere a braccia aperte tutti gli “homeless” della politica. Con questo termine Negri si rivolge ad un ampio bacino di cittadini che non si sente rappresentato da nessuna formazione politica, ma che comunque ha ancora voglia di mettersi in gioco e non si rassegna al progressivo declino del quale il nostro Paese è vittima da troppi anni ormai. Ciò che ha voluto precisare l’ex radicale e imprenditore Giovanni Negri è che il suo disegno e i suoi progetti non sono volti ad una rifondazione dell’ormai fu partito radicale, ma bensì di accogliere gli aspetti più interessanti della storia e dello sterminato patrimonio radicale e impiegarli in modo nuovo, per arrivare ad una formazione laica e fondamentalmente libera dai vecchi schemi della politica. “Voglio che la Marianna sia l’alternativa al grillismo e all’incapacità di chi in questi anni ha guidato, o meglio non ha guidato affatto il nostro Paese” afferma Negri, il quale assieme ad una serie di collaboratori ha steso le prime cinque linee guida che la Marianna seguirà, nel suo lungo e faticoso iter per far sentire la sua voce. Il centro storico di Ferrara nella serata di fine estate del 15 settembre è stata una bellissima cornice per un incontro informale, quasi amicale tra il fondatore e i cittadini estensi interessati dal nuovo embrione nascente. Per altro, i cittadini ferraresi sono stati espressamente investiti di una grande responsabilità  da parte del fondatore, il quale ha chiesto ad ognuno dei partecipanti di portare al primo appuntamento ufficiale in programma nella vicina Bologna per gennaio, di coinvolgere un considerevole numero di persone in questo cammino, per arrivare a Bologna con un buon numero di “sanculotti”. L’incontro è stato impostato in maniera che dopo l’introduzione di Giovanni Negri sulle linee guida de “La Marianna”, ci fosse spazio per un dibattito e per le osservazioni. Che non si sono fatte certo attendere e che hanno fornito diversi punti di riflessione nell’ambito dell’impresa, della giustizia, rispetto l’evasione fiscale e più ingenerale una nuova idea di fiscal system da adottare in Italia sul modello americano. “La Marianna” come più volte sostenuto dallo stesso “padre” Negri è ancora in fase iniziale, il suo assetto ancora da definire e le frecce da incrementare e migliorare anche e soprattutto dal punto di vista comunicativo, ma una cosa è certa: le idee e i principi sono saldi e saranno quelli che renderanno forte “La Marianna”.

Federico Di Bisceglie

Collaboratore de "Il resto del Carlino", blogger su quotidiano online "Ildenaro.it" redattore Di "ferraraitalia.it", marketing consultant for b-smark LTD Dublin. Studente di legge.

More Posts - Website

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento