domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La svolta di Guerini
Pubblicato il 16-09-2016


Il vice segretario del Pd Guerini, partecipando al dibattito della festa dell’Avanti dedicato al futuro del cenro-sinistra, ha preso posizione sulla legge elettorale. Come già aveva fatto Renzi Guerini ha manifestato disponibilità a vagliare proposte di modifica dell’Italicum, chiudendo, almeno per ora, a modifiche sul premio di maggioranza e sul ballottaggio, mentre non ha negato la possibilità di trasformare il premio di lista in premio di coalizione. Il suo è stato un modo ancora un po’ ermetico di mostrare un consenso. Ma la politica ha i suoi riti. Anche la nuova. Se io dico no a stravolgimenti del’Italicum sul tema della rappresentanza e della governabilità e se ammetto che trasferire il premio dalla lista alla coalizione non inficia né l’una né l’altra, cose ne deriva?

Questa è per ora la novità più significativa dei dibattiti in corso alla Festa dell’Avanti. Guerini naturalmente ha voluto precisare anche i meriti dell’Italicum che non condivido. L’istituto del doppio turno nazionale con ballottaggio tra i primi due classificati non esiste in un nessuna legge per l’elezione del Parlamento. Esiste solo per l’elezione di un presidente, come in Francia e in Austria o, alle comunali, per l’elezione di un sindaco, in Italia. Noi con l’Italicum non eleggiamo né l’uno né l’altro. Ed è assurdo vaticinare della necessità di un vincitore. Sbagliamo volutamente anche il termine. Le elezioni, secondo la vecchia e la nuova costituzione, servono in Italia ad eleggere solo il Parlamento, non ad eleggere un presidente e nemmeno un governo.

Si vuole cambiare la natura della nostra democrazia? E allora trasformiamola con legge costituzionale in repubblica presidenziale o semi presidenziale. E da lì ricaviamo una legge con ballottaggio per eleggere il capo dello stato o del governo. No. Continuiamo a ragionare di leggi elettorali che si attagliano a una repubblica presidenziale o semi presidenziale, restando però in una democrazia parlamentare. Bisognerebbe riformare l’Italicum anche sul tema del ballottaggio, oggi anche contraddittorio perché il sistema è diventato tripolare e paradossalmente è il polo che non va al ballottaggio che decide il vincitore. Basterebbe piuttosto abbassare anche un po’ la soglia per arrivare al premio (37-35%) eliminando il secondo turno e tornando ai vecchi collegi uninominali, per evitare questa assurda disparità tra deputati eletti e nominati. Ma un primo passo pare compiuto. Guerini non lo ha detto esplicitamente. Ma lo ha fatto capire. Bene. E’ un punto a nostra favore, visto che proprio i socialisti hanno proposto una legge in tal senso. Come dire: chi la dura la vince.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Sono d’accordo su molti punti, in particolare abbassare la soglia del premio, no al ballottaggio, sì al premio di coalizione.
    Giorno per giorno le cose cambiano, penso che qualche modifica ci sarà. Sono meno d’accordo sull’attribuzione di ermetico al discorso un pò fumoso di Guerini. Ermetico viene sempre assimilato ad incomprensibile, ma non è giusto, magari sarebbe più attinente definirlo di sintesi. I 7 principi Ermetici, base di tutto l’Ermetismo, sono chiarissimi..ma non è detto che siano molto conosciuti…Ermetico, poi, è sinonimo di molta energia, cosa o qualità che nel discorso di G. non era molto presente.

Lascia un commento