domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mattarella e il referendum: la sovranità è degli elettori
Pubblicato il 14-09-2016


Quirinale-PresidenteDopo l’intervento in gamba tesa dell’Ambasciatore americano in Italia John Phillips che si è pronunciato a favore del Sì al quesito referendario è intervenuto sull’account twitter del Quirinale  il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il referendum, ha detto Mattarella è un “passaggio democratico da vivere serenamente, interesse internazionale esiste ma la sovranità resta degli elettori”. “Il mondo – ha poi aggiunto Mattarella da Sofia – si è molto interconnesso: quindi ogni avvenimento che avviene in un paese importante, e l’Italia è un paese importante, è seguito con attenzione anche all’estero. Naturalmente questa considerazione non muta in nulla il fatto che la sovranità sia demandata agli elettori”.  A titolo di esempio il capo dello Stato ha citato quanto successo con il referendum in Gran Bretagna.

Dopo le parole di Mattarella molti sono stati i commenti a sostegno. Già eri le parole dell’Ambasciatore Usa avevo sollevato numerose reazioni. Ma mancava quella di Palazzo Chigi. “Grazie al presidente della Repubblica Sergio Mattarella – ha detto il deputato di Possibile Pippo Civati – per aver interrotto l’assordante silenzio istituzionale e del Governo sulle dichiarazioni rilasciate ieri dall’ambasciatore americano circa la necessità di votare si al referendum costituzionale. Un silenzio imbarazzante e intollerabile. Bene ha fatto il presidente della Repubblica a ricordare, soprattutto a chi a la presunzione di voler cambiare la Costituzione, che la sovranità appartiene ai cittadini. Solo a loro”. Dalla Sinistra Italiana il capogruppo Arturo Scotto ha affermato che “Mattarella si conferma garante Costituzione e sovranità popolare. Grazie Presidente per la sua saggezza ed il suo equilibrio.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento