domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Adalberto Andreani:
Olimpiadi, dal M5S un no
poco razionale
Pubblicato il 09-09-2016


Gentile Direttore,
la posizione del Movimento 5 Stelle, sulle Olimpiadi a Roma, mi pare poco razionale.
Se le Olimpiadi di Roma servono a sperperare altri soldi pubblici l’opposizione a tale grande evento mondiale, potrebbe essere discussa, ma in questo caso mi sembra opportuno ragionare diversamente.
Posto che nel nostro Paese si passa da un estremo ad un altro, bisogna in primis verificare, se l’evento sportivo mondiale più importante porti o no posti di lavoro a Roma ed in Italia.
Si è detto che le Olimpiadi Romane, dovrebbero servire a recuperare urbanisticamente la città eterna, con modica spesa, ed utilizzando solo l’esistente. E’ vero ci sono stati sperperi in passato, ma ora si potrebbe e dovrebbe cambiare strada……
Con coraggio dunque. Lo stadio Olimpico è stato imbruttito architettonicamente dopo i mondiali del 1990, e potrebbe essere migliorato, senza demolizioni e restaurando il Foro Italico, opera che altri ci invidiano. Lo stadio Flaminio, restituito alla città di Roma con una spesa minima, con copertura in pannelli solari alla stregua del Bentegodi di Verona ed utilità per tutto il quartiere attorno.
Il Palazzetto di Viale Tiziano ed il Palasport dell’EUR, rimessi a nuovo, Gli impianti natatori dei mondiali di nuoto, utilizzati e non lasciati deperire…Restaurati Circo Massimo, Caracalla, Colosseo, lo stadio delle TRE Fontane, i campi sportivi dei Castelli Romani e quelli di Roma Nord-Salaria e Flaminia. Preservata così la campagna romana da ulteriori cementificazioni, e Ostia Antica utilizzata per sport di lotta e pugilato classici.
Roma è Roma, frase fatta per dire che nessuna città al mondo possiede quello che ha la nostra Capitale.
I 5 Stelle non possono non ragionare. Un conto è speculare, altro progredire e migliorare. Ecco perché la protesta è giusta, ma va finalizzata con il ragionamento, mentre oggi in Italia si strilla, ma non si dibatte più e mancano i pensatori ed il buon senso. Il Governo con i presupposti di cui sopra può decidere al posto di un Sindaco, per il bene collettivo e sociale.
Adalberto Andreani
 >
bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento