giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A. I Top e i Flop
del campionato.
Il weekend dei bomber
Pubblicato il 19-09-2016


icardi6Il Napoli è da solo in testa alla classifica grazie alla vittoria 3-1 sul Bologna, Juventus e Roma cadono contro Inter e Fiorentina: il campionato sembra molto più aperto rispetto alle previsioni della vigilia. E non ci sono soste: questa settimana c’è infatti il turno infrasettimanale. Vediamo i top & flop della quarta giornata.

TOP – Al terzo posto Arkadiusz Milik. Acquistato dal Napoli subito dopo l’addio di Higuain destinazione Juventus, il centravanti polacco sta riuscendo nell’impresa teoricamente impossibile di non far rimpiangere il Pipita. E così, a suon di doppiette (ne ha realizzate già tre), l’ex Ajax sta trascinando la squadra di Sarri in Italia e in Europa: dopo i due gol in Champions League contro la Dinamo Kiev, Milik ha segnato altre due reti sabato in Napoli-Bologna dopo essere subentrato all’opaco Gabbiadini. Nel capoluogo campano Higuain è sempre più un lontano ricordo. A proposito di Napoli, al secondo posto c’è il napoletano Marco Borriello. A 34 anni suonati, l’attaccante del Cagliari corre come una gazzella e ha la freschezza di un ragazzino. Nel 3-0 dei sardi all’Atalanta ha realizzato una doppietta, salendo a 4 gol in altrettante partite. La seconda delle due reti è arrivata su una magistrale punizione: se inizia a segnare anche da calcio da fermo, rischia di arrivare molto presto a 15 gol e vincere così la scommessa fatta in estate con l’amico Bobo Vieri. Al primo posto troviamo Mauro Icardi, attualmente il vero leader dell’Inter. Contro la Juventus è stato il migliore in campo, realizzando la settima rete personale in carriera ai bianconeri e regalando l’assist decisivo a Perisic per il 2-1 finale. La novità è proprio questa: oltre a segnare raffiche di gol, l’argentino sta crescendo partita dopo partita, mettendosi sempre al servizio della squadra e meritandosi così la fascia di capitano che indossa. Biblico.

FLOP – Evviva lo spettacolo del calcio in tv. Ma lasciare di domenica pomeriggio (che resta l’orario clou per i vecchi amanti del pallone) quattro partite dalla qualità medio-bassa resta una scelta discutibile della Lega. Per carità, match come Inter-Juventus e Fiorentina-Roma meritavano, come è stato, l’orario serale anche perché c’è bisogno di un supplemento di riposo dopo i vari impegni di Europa League, ma per esempio una gara come Sampdoria-Milan (giocata venerdì sera) poteva rendere la domenica pomeriggio decisamente più frizzantina. Restiamo sulla sfida di Marassi perché al secondo posto c’è il difensore blucerchiato Skriniar: dopo il discutibile, ma sicuramente ingenuo, fallo da rigore su Dzeko in Roma-Sampdoria, il 21enne difensore polacco ha commesso una grave ingenuità nel finale della gara contro il Milan, regalando il pallone da dove poi è nato il gol decisivo di Bacca. Il tecnico ligure Giampaolo farebbe bene a valutare delle alternative. Ma ha fatto peggio Alberto Paloschi in Cagliari-Atalanta: calcio di rigore fallito e una prestazione assolutamente incolore. E pensare che una settimana fa, in Atalanta-Torino, ci furono polemiche perché, in occasione di un penalty per i lombardi, si era presentato sul dischetto il compagno Kessié, ‘scippando’ così l’incarico a Paloschi ma realizzando la rete decisiva. C’avevo visto giusto…

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento