domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Caso chiuso all’Inter. Icardi multato,
ma resta capitano
Pubblicato il 17-10-2016


icardi-3Terminato il lungo confronto con i dirigenti: l’argentino conserva la fascia e si scusa nuovamente con i tifosi per le frasi offensive pubblicate nel suo libro: “Ho scritto d’istinto, non volevo offendere. Abolirò quelle pagine dalla mia biografia”

MILANO – Il caso è chiuso. Forse. Mauro Icardi riceve una multa salatissima dall’Inter, ma resta il capitano dei nerazzurri. La decisione è stata presa al termine di un confronto con i dirigenti per fare chiarezza sul polverone scoppiato per le frasi scritte dall’argentino nella sua biografia, che hanno mandato su tutte le furie la Curva Nord, pesantemente critica con Icardi a colpi di comunicati, cori e striscioni. Domenica sera il clima si era ulteriormente surriscaldato con la notizia di una presunta tentata aggressione da parte di una quarantina di ultrà sotto casa del giocatore, anche se poi l’episodio è stato smentito dalla moglie, Wanda Nara.

LE SCUSE E LA PROMESSA – Ma oltre alle parole e ai comunicati, ci sono anche i fatti. Icardi infatti, sul sito ufficiale dell’Inter, si è nuovamente scusato per quelle parole offensive nei confronti dei tifosi (“porto 100 criminali dall’Argentina che li ammazzano lì sul posto”) promettendo inoltre di far rimuovere quelle pagine dal suo libro: “In questi due giorni ho vissuto una parentesi triste della mia storia nerazzurra. Ma in una famiglia, e mi hanno sempre insegnato che l’Inter prima di tutto è una grande famiglia, i momenti difficili o le incomprensioni possono capitare. Tutto nasce da una pagina del mio libro, che probabilmente è stata buttata giù troppo d’istinto. Una pagina dove alcuni toni sono inappropriati e sono davvero dispiaciuto che ci siano andati di mezzo proprio i tifosi dell’Inter. Per questo mi scuso e mi impegnerò perché queste pagine non ci siano più, in modo che nessuno possa sentirsi offeso, tradito e minacciato”. Dunque il libro verrà ristampato senza le frasi incriminate che hanno scatenato la rabbia dei tifosi: basterà per ricucire lo strappo con la curva? In mattinata, prima di queste decisione, Franco Caravita, portavoce del settore più caldo del tifo nerazzurro, non aveva lasciato grandi margini di una riconciliazione: “Credo che sia impossibile una ricucitura dei rapporti con Icardi. E’ una persona che ha minacciato di morte. Non penso di poter dialogare con una persona così”. Eppure la decisione (sorprendente) di correggere il libro potrebbe sancire la grande pace tra il capitano e la curva.

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento