giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Goro
Pubblicato il 26-10-2016


Nell’inverno del 1951 un’Italia non certo prospera si strinse attorno agli alluvionati del Polesine. Nella mia scuola si raccoglievano indumenti da mandare a Goro, e qualche piccolo gorante avrà sicuramente indossato il mio primo cappotto, già destinato a mia sorella. Poi, dagli anni ’70, a Goro si realizzò una specie di ”socialismo realizzato”: non nel senso sovietico del termine, ma semmai in quello autogestionario che allora animava le retoriche del socialismo francese.

Alle elezioni comunali i quattromila goranti (così si chiamano gli abitanti di quel paesino di pescatori) assegnavano la maggioranza al Pci e la minoranza al Psi, mentre era socialista il presidente della cooperativa dei pescatori che provvedeva a commercializzare il pescato e a trasformare l’invenduto.

Il reddito pro capite ebbe un’impennata, tanto da essere paragonato da qualcuno a quello della California. Ma questo non modificò gli orientamenti politici della popolazione. Solo dopo la grande purga degli anni ’90 i goranti cambiarono verso: prima votarono in massa per Forza Italia (in cui erano confluiti molti degli amministratori precedenti), poi scivolarono verso la Lega. Ora fanno le barricate per impedire a dodici donne migranti di raggiungere un ostello vuoto, così come sessantacinque anni fa le facevano per arginare la piena del Po.

C’è da riflettere. Innanzitutto sull’alternarsi delle generazioni, che evidentemente non sempre assicura continuità culturale. Poi sulla fragilità del famoso “radicamento sociale” della sinistra, e sulle conseguenze di lungo termine delle radiose giornate di Mani pulite. Ancora, sulle derive estremistiche in atto nel centrodestra. Infine, nel sessantesimo anniversario della rivoluzione ungherese, sui percorsi paradossali della storia che portano da Nagy ad Orban.

Redazione Mondoperaio

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Senza la consapevolezza del valore del “collettivo” – che, come leggo, a Goro si è persa – resta solo l’individualismo impaurito che si prepara a “sparare” agli sconosciuti che entrano nel “saloon”.

  2. Sembrano moltiplicarsi, o comunque intensificarsi, i casi in cui gruppi di residenti esprimono in varia forma sentimenti di preoccupazione, o disappunto, o anche contrarietà, rispetto all’inserimento nelle rispettive comunità di persone “migranti”, e c’è chi bacchetta tali atteggiamenti in modo abbastanza severo, mentre io stento a vedervi pulsioni razziste o xenofobe, ma semmai il timore di trovarsi di fronte ad una “criticità” andata ormai fuori controllo, con tutte le conseguenti imprevedibilità (ed è legittimo che si possa diffidare di quanto avvertiamo come imprevedibile).

    La conferma del mio pensiero la si trova, io credo, nel fatto che non ci sono state quasi mai reazioni di questo tipo quando il fenomeno aveva dimensioni diverse, che erano ritenute compatibili con una normale accoglienza, non sempre facile quando si incontrano culture differenti, ma comunque gestibile.

    A me pare che oggi il problema, oltre alla questione dei numeri, non vada posto ed affrontato col sospettare di razzismo e xenofobia chi non è d’accordo, ma discutere piuttosto di multiculturalismo, visto che c’è chi lo ritiene inevitabile, o lo guarda con favore, mentre c’è chi, al contrario, lo vede come un pericolo per la nostra identità, si frappongono cioè due diversi modi di intendere la nostra società (come è successo tra chi mirava al nichilismo e chi invece vi si opponeva).

    Paolo B. 30.10.2016

Lascia un commento