giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Italicum, il Pd trovi una posizione condivisa
Pubblicato il 21-10-2016


Italicum-legge elettoraleLa data del referendum si avvicina e contemporaneamente si intensifica il dibattito sulla modifica alla legge elettorale. Chi ne chiede una modifica, e sono in tanti, da forze di maggioranza a quelle di opposizione, vuole vedere una bozza di proposta prima del voto referendario. Il Pd ha istituito al proprio interno una commissione per stendere un documento preparatorio su cui lavorare anche se in molti si dicono non troppo ottimisti di vedere un risultato concreto. Le divisioni interne del Pd e lo scontro con la minoranza interna, è un freno.

“Capisco. Prima di tessere incontri con gli altri partiti che sostengono il governo – ha detto il segretario del Psi Riccardo Nencini –  il PD ha bisogno di trovare una posizione condivisa sulla modifica dell’Italicum. Bene”. “Va fatto sapere – ha aggiunto – che comunque gli incontri dovranno tenersi ben prima del 4 dicembre in modo tale da incardinare nei lavori d’aula, fino dai giorni precedenti il Natale, un testo da discutere. I socialisti – ha concluso Nencini – presenteranno la prossima settimana la loro proposta”.

Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, a proposito dell’Italicum ha affermato di essere convinto che serva “un meccanismo che faccia vincere una coalizione in base al diritto dei cittadini di scegliere, premiando anche se di poco chi deve governare”. “Tradotto in termini ancora più semplici – ha aggiunto – se dovesse capitare che non vincessimo un’altra volta, sarebbe per me insopportabile l’idea di andare a costruire per la terza volta un governo di larghe intese col centrodestra”. Poi Rossi ha parlato della necessità di rivedere la nomina dei primi 100, e addirittura la possibilità  di stare presenti in più collegi”. Punto dirimente è il premio di maggioranza. Il governatore toscano si è detto a favore a un premio di maggioranza alla coalizione: “Mi sembra interessante, può essere utile per aggregare intorno al Pd forze anche a sinistra che attualmente, altrimenti, non sarebbero in partita, e mi pare che ci sia da allargare la partecipazione”. In ogni caso, ha concluso Rossi, “bisognerebbe che trovassero un modo per non rompere” all’interno della commissione sull’Italicum.

Ginevra Matiz

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento