giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L’attesa della lettera e i dubbi di Bruxelles
Pubblicato il 24-10-2016


commissione_berlaymontI dubbi di Bruxelles sono attesi per oggi insieme alla lettera della Commissione all’Italia e ad altri cinque o sei paesi, tra cui Belgio, Spagna, Portogallo, Estonia e forse Francia e Olanda. Vi sono scritte le osservazioni della Commissione sulla bozza di bilancio per il 2017, che, secondo Bruxelles, presenta qualche criticità nel rispetto delle regole del patto di stabilità e crescita. Si tratta, per ora, di richieste di chiarimento prima di un’eventuale e non auspicata decisione di “respingere” tali documenti. Secondo le regole del “semestre europeo”, infatti, dopo la presentazione delle bozze, entro la metà di ottobre, la Commissione può respingere quelle che non rispettano i parametri entro le successive due settimane. Prima, però, è in contatto con i governi attraverso un “dialogo costruttivo”, come è stato definito in questi giorni da fonti Ue, con l’obiettivo di trovare dei punti di compromesso ed evitare la bocciatura: sarebbe la prima volta che un bilancio viene respinto e a Bruxelles l’ipotesi non piace affatto. La lettera attesa oggi rientra in questa fase.

I dubbi dell’Europa si attestano sul fronte delle entrate, “per le troppe una-tantum” che non garantiscono la tenuta del bilancio; su quello delle uscite per il piano nazionale di salvaguardia antisismica, considerato strutturale e non emergenziale: la Commissione accetta di scorporare dal deficit la ricostruzione delle zone colpite il 24 agosto, ma non il piano per mettere in sicurezza tutte le zone a rischio catastrofe del Paese. Ok invece per l’aumento delle spese sui migranti per il prossimo anno rispetto al 2016. Questo impongono le norme Ue, modificabili solo con il consenso di tutti i governi. Con la conseguenza che la Commissione non approva il deficit 2017 al 2,3% previsto dalla finanziaria. Chiede che venga limato di un decimale. Uno sforzo di 1,6 miliardi quello richiesto da Bruxelles che lo scorso anno ha concesso all’Italia 19 miliardi di flessibilità e che quest’anno, forzando le regole, sarebbe pronta a dare altri 15 miliardi di bonus sul risanamento.

Renzi, intervenendo a “In ½ Ora “, su Raitre, ha definito non importante, non decisivo, lo 0,1% o questa legge di bilancio. “L’elemento di discussione con l’Ue – ha detto il premier – è il bilancio europeo dei prossimi anni, noi siamo impegnati in una battaglia storica perché il bilancio Ue tenga insieme diritti e doveri. Oggi l’Italia dà 20 mld di euro all’Ue, e ne prendiamo indietro 11, noi abbiamo detto: siamo contributori, possiamo far in modo che chi prende i nostri soldi prende anche i migranti?”. E poi ha aggiunto: “E’ fisiologico il dialogo tra istituzioni”. Sulle polemiche legate ai termini di presentazione della legge di stabilità (20 ottobre), il premier incalza “c’è un termine che non è perentorio, noi siamo assolutamente in regola. La legge di Stabilità va mandata in Parlamento a far data dal 20 otobre, ma non è un termine perentorio. L’anno scorso l’abbiamo mandata 10 giorni dopo, quest’anno la manderemo – assicura Renzi – entro questa settimana”. “La nostra proposta di rimettere in discussione il bilancio Ue e la politica economica, sia portata avanti anche dagli altri partiti” è l’invito che Renzi ha rivolto alle forze politiche. In vista di Roma 2017 “discuteremo di fiscal compact, del futuro dell’Unione. Il Fiscal compact nel 2012 fu votato da Monti, Berlusconi e Bersani, e nel 2017 arriva alla prova dei fatti, c’è da decidere se inserirlo nei Trattati”, ha spiegato Renzi, ricordando la contrarietà del suo governo a questa prospettiva. “Mi piacerebbe che anche le opposizioni votassero a favore”, ha ribadito.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento