giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pensioni. Le misure che interessano l’Inps
nella prossima manovra
Pubblicato il 31-10-2016


LE NOVITA’ PREVIDENZIALI PER IL 2017

Pensioni: su minime, tetto Ape social a 1500 euro

Arriva, come promesso e come da accordo con i sindacati, un nutrito pacchetto pensioni che potrà contare nel triennio su 7 miliardi (che oscillano tra 1,5 e 2 per il primo anno). Tra le novità dell’ultima ora la soglia di reddito per accedere gratuitamente all’Ape social, che sale da 1350 a 1500 euro. Chi dovesse avere una pensione superiore a tale cifra (ad esempio un’Ape agevolata da 2.000 euro lordi mensili), come ha spiegato il presidente della commissione Lavoro Cesare Damiano, pagherà la penalizzazione solo sulla quota che supera la soglia, e quindi circa l’1% di penalizzazione per ogni anno di anticipo. Per l’Ape aziendale gli oneri saranno a carico delle imprese. L’anticipo volontario invece costerà tra il 4,6 e il 4,7%. Potranno accedere i lavoratori che hanno almeno 63 anni e sono a 3 anni e 7 mesi dalla pensione, e con un minimo di 20 anni di contributi (che salgono a 30 e 36 per l’Ape social, in caso di disoccupati o persone ancora attive). Nel pacchetto anche l’ampliamento a 3,3 milioni di pensionati della quattordicesima, l’equiparazione della no tax area per tutti a 8.125 euro, il cumulo gratuito dei contributi versati a enti diversi.

Lavoro: 700 milioni per sgravi ‘selettivi’, da under 29 a sud

Dopo lunga riflessione restano anche per il 2017, in attesa del taglio strutturale del costo del lavoro, gli sgravi per incentivare il lavoro stabile. Si tratta di sconti ‘selettivi’ però, che cercano di affrontare i punti che restano più critici nel mondo del lavoro: giovani, ‘adulti’ rimasti senza occupazione ma non ancora in età pensionabile, e Mezzogiorno. Per il pacchetto sgravi ci saranno il prossimo anno 700 milioni (in larga parte fondi europei). Ci saranno due misure ‘nazionali’, una legata alle assunzioni dal percorso Garanzia Giovani (con un doppio binario, anche per i contratti a termine superiori a 6 mesi) e l’altro per chi assume giovani già entrati in azienda in stage grazie ai progetti di alternanza scuola-lavoro. Per questi ci sarà decontribuzione piena per 3 anni in caso di contratto a tempo indeterminato o di apprendistato (fino a un massimo di 8.060 euro, che si dimezza nel caso di tempo determinato con Garanzia Giovani). Per il Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna) ci sarà invece decontribuzione piena per l’assunzione di under 24 e per i giovani tra i 24 e i 29 anni senza lavoro da almeno 6 mesi, ma anche uno sgravio aggiuntivo al 50% già previsto dalla legge Fornero per chi assume gli over 50 (quindi sulla parte rimanente, con tetto però a 4.030 euro). Con la manovra non arriveranno solo misure di sostegno alle assunzioni ma anche un rafforzamento degli incentivi alla produttività, con la cedolare secca al 10% che si applicherà fino a 4 mila euro di premio e 80 mila euro di reddito. Per questo intervento saranno appostati 1,3 miliardi tra 2017 e 2020.

Lavoro irregolare

ACCERTATI 16 MILIARDI DI EVASIONE IN 10 ANNI

Tra il 2006 ed il 2015 ministero del Lavoro, Inail e Inps attraverso le loro ispezioni hanno accertato contributi e premi evasi per un ammontare complessivo di quasi 16 miliardi di euro (15,7) e pari a oltre 1,5 miliardi di euro in media ogni anno. E’ quanto risulta da uno studio sul lavoro “non regolare”, “irregolare” e “in nero” elaborata, attraverso i dati dell’ attività ispettiva, dal Servizio Politiche del Lavoro della Uil. Il tasso di irregolarità delle aziende è stato del 65,5% mentre sono stati 250 mila di media all’anno i lavoratori trovati irregolari; secondo gli accertamenti degli ispettori erano completamente in nero oltre il 43% degli irregolari. Nel 2015 le attività ispettive hanno accertato 1,28 miliardi di contributi e premi evasi per lavoro irregolare. Il 67% delle aziende visitate è risultata irregolare. Nel primo semestre 2016 sono risultate irregolari il 61,2 delle imprese controllate.

Lavoro

PROSEGUE CALO ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO

Le assunzioni di datori di lavoro privati, nel periodo gennaio-agosto 2016 sono risultate 3.782.000, con una riduzione di 351.000 unità rispetto al corrispondente periodo del 2015 (-8,5%). Nel complesso delle assunzioni sono comprese anche le assunzioni stagionali (447.000). E’ quanto informa l’osservatorio sul precariato dell’Inps secondo cui il rallentamento delle assunzioni ha riguardato principalmente i contratti a tempo indeterminato: -395.000, pari a -32,9% rispetto ai primi otto mesi del 2015. “Come già segnalato nell’ambito dei precedenti aggiornamenti dell’Osservatorio, il calo va considerato in relazione al forte incremento delle assunzioni a tempo indeterminato registrato nel 2015, anno in cui dette assunzioni potevano beneficiare dell’abbattimento integrale dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per un periodo di tre anni”. Analoghe considerazioni possono essere sviluppate per la contrazione del flusso di trasformazioni a tempo indeterminato (-35,4%). Nei primi otto mesi del 2016, secondo l’Inps, sono stati stipulati 330.262 contratti a tempo indeterminato con gli sgravi contributivi previsti dalla legge di stabilità (il 40% dei contributi). Si tratta del 32,8% dei contratti rispetto al totale delle assunzioni e trasformazioni a tempo indeterminato.

Parisi, dati Inps confermano mercato non ripartito – Stefano Parisi, il coordinatore di Energie per l’Italia, considera i dati Inps sui contratti a tempo indeterminato, che hanno segnato un -32,9% negli ultimi otto mesi una conferma “che il mercato del lavoro è tutt’altro che ripartito”. La crescita che si è registrata lo scorso anno è stata “drogata dalla decontribuzione a termine”. In pratica “ogni nuovo occupato – ha spiegato – è costato al Paese 60.000 euro all’anno. “Ma generare occupazione senza crescita – ha avvertito l’esponente di centrodestra – significa ridurre la produttività del nostro sistema economico”. Conclusione: “il Jobs act si dimostra una riforma modestissima, a fronte dei tanti annunci trionfalistici”. “Io – ha sottolineato l’ex segretario generale di Confindustria – sono ottimista sul futuro dell’Italia, ma bisogna cambiare politica economica, fare politiche che liberino dal peso della burocrazia, flessibilità. Ci vogliono riforme, non mezze riforme annunciate, ma riforme vere”. E le riforme, ha ammonito, “sono tali non quando sono approvate” ma quando se ne vede l’effetto. “Nei primi otto mesi del 2016 – ha aggiunto – abbiamo avuto 350 mila nuovi contratti in meno dello scorso anno, a dimostrazione che la stretta sui contratti del governo e il tentativo di spingere le imprese verso il contratto a tempo indeterminato è stato un boomerang. I licenziamenti aumentano e non si vede l’ombra di moderne politiche attive. Per far ripartire l’occupazione bisogna generare crescita economica e abbassare strutturalmente il costo del lavoro, che invece è ancora troppo elevato, come testimonia il massiccio ricorso ai voucher. Occorre dire con coraggio che il mondo del lavoro sta cambiando e che contratti, logiche e meccanismi del Novecento oggi non possono più funzionare”. Invece “come spesso accade questo governo interviene con provvedimenti costosi e di breve termine, utili forse a fini elettorali, non certo al Paese”, discorso che secondo Parisi si può applicare anche alla riforma costituzionale “un provvedimento caricato da Renzi di grandi aspettative, ma che invece aumenterebbe la confusione istituzionale del Paese”.

Novità

RIMBORSI AUTOMATICI IN BOLLETTA ELETTRICA

Sarà garantito in modo automatico il rimborso in bolletta degli importi che verranno recuperati con l’attività di indagine dell’Autorità dell’energia sulla vicenda delle condotte anomale tenute dagli operatori nei mercati all’ingrosso dell’elettricità, in particolare nel mercato del dispacciamento. Lo ha deciso l’ente regolatore, aggiungendo che ciò avverrà qualunque sarà l’esito delle decisioni della giustizia amministrativa. I rimborsi “verranno riconosciuti immediatamente ai consumatori nella prima bolletta utile”.  Per ‘prima bolletta utile’ l’Autorità intende quella che verrà emessa ai consumatori al termine delle indagini, che sono ancora in corso e di cui sono state per ora comunicate le risultanze dell’istruttoria: si presume quindi che i primi rimborsi potrebbero arrivare nella prima parte del 2017 seguendo un flusso che si dipanerà nel tempo. Si tratta dell’ultima puntata di una vicenda partita a luglio scorso, quando il Tar della Lombardia aveva sospeso l’aggiornamento delle bollette per il trimestre luglio-settembre a causa di condotte anomale sul mercato del dispacciamento. Gli aumenti decisi erano stati così “congelati” e si era tornati ai prezzi stabiliti per il trimestre precedente. Il 16 settembre scorso, invece, l’ordinanza collegiale del Tar aveva ripristinato gli aumenti, invitando però l’Autorità ad adottare, entro 40 giorni un provvedimento che predeterminasse da subito le modalità per la liquidazione e corresponsione automatica ai clienti dei rimborsi spettanti se nel giudizio di merito, rimandato al prossimo febbraio, i rincari dovessero essere nuovamente bocciati. Con la delibera di oggi, quindi, l’Autorità annuncia che il rimborso sarà garantito in modo automatico, qualche che sia la conclusione giudiziaria della vicenda. In particolare, si spiega nella nota, “gli importi che verranno recuperati saranno compresi nel calcolo dei saldi tra proventi conseguiti e oneri sostenuti per l’approvvigionamento delle risorse nel mercato per il servizio di dispacciamento (cioè dei costi sostenuti dal Gestore della rete – Terna – per il mantenimento in equilibrio e in sicurezza del sistema elettrico), “scontando” il valore del corrispettivo uplift (a copertura dei suddetti costi sostenuti da Terna) da applicare nel primo trimestre utile. Ciò ne permette l’immediato e automatico riconoscimento a tutti gli utenti del dispacciamento e, attraverso di loro, a tutti i clienti finali sia del mercato tutelato sia del mercato libero, senza alcuna discriminazione”.

Carlo Pareto

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento