giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Migranti, in due giorni sbarcati in undicimila
Pubblicato il 05-10-2016


Migranti-Frontex-AlfanoIn due giorni quasi 11.000 i migranti tratti in salvo. 4655 solo nelle ultime 24 ore che si aggiungono ai 6000 del giorno precedente, nel corso di 72 distinte operazioni coordinate dalla Centrale operativa della Guardia costiera. E sulla nave “Dattilo” della Guardia Costiera, giunta stamane a Catania, con oltre mille migranti a bordo, sono venuti alla luce tre neonati. I soccorritori hanno anche recuperato ventotto cadaveri tra la giornata di ieri e la scorsa notte nel corso di 33 operazioni.

A Reggio Calabria è invece sbarcata la nave “Dignity” di Medici senza frontiere con il cadavere di una 25enne al quinto mese di gravidanza, deceduta per arresto cardiaco, la salma sbarcata stamani dalla nave «Dignity». A bordo aveva 417 migranti, tra cui 267 uomini, 58 donne e 92 minori, 84 dei quali non accompagnati. Secondo quanto riferito dal personale della nave e dai sanitari di Medici senza Frontiere, sono stati segnalati 250 casi di scabbia, una trentina di feriti, per contusioni e traumi vari, 20 con ustioni di I e II grado per contatto da idrocarburi.

Intanto dalla Commissione europea è arrivato il duro affondo del presidente Jean Claude Juncker sulla reazione dell’Unione europea alla crisi dei migranti:  “Nel vertice di Bratislava è stata adottata una roadmap, ma non risponde alle mie aspettative: è poco concreta, anche se è una buona piattaforma per andare avanti”. E poi, “l’ambizione è quella di salvare la Ue”, ha sottolineato: “Vorrei potessero mettersi d’accordo su risultati concreti: per avanzare non serve retorica,   Per risolvere il problema dei profughi “dobbiamo affrontare le cause” delle migrazioni ed è quindi “necessario lanciare un’offensiva di investimenti per l’Africa: si tratta di 44 miliardi di euro che, se gli stati membri danno il loro contributo, diventano 88”.  Juncker ha sottolineato che “l’accordo con la Turchia funziona” perché “dai 10mila ingressi al giorno dell’ottobre scorso, oggi siamo a 85 arrivi al giorno in Grecia”.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento