sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Per l’Unesco il Muro del Pianto non è simbolo ebraico
Pubblicato il 14-10-2016


muro-del-pianto-israeleIsraele ha “sospeso tutte le operazioni” con l’Unesco. L’agenzia delle Nazioni Unite per la cultura è accusata di aver approvato una risoluzione che riconoscerebbe la Spianata delle Moschee – chiamata Monte del Tempio dagli ebrei – come luogo sacro dei soli musulmani. Secondo la mozione approvata dall’organizzazione Onu, Gerusalemme è sacra alle tre religioni monoteiste, e il Monte del Tempio e il Muro del Pianto sono sacri soltanto per la religione musulmana, approvando l’utilizzo del solo nome arabo.


 

Decisione Antistorica 

di  Ilda Sangalli

L’Unesco sta per approvare una mozione che nega i legami ebraici con quello che gli ebrei chiamano il Monte del Tempio e i musulmani il Nobile Santuario.

Non è una novità che alle Nazioni Unite vi sia sempre una automatica maggioranza contro Israele.
I paesi arabi, più quelli musulmani, più quelli dipendenti dagli aiuti economici petroliferi, si trovano sempre d’accordo quando si tratta di un voto contro Israele, che non comporta nessun lato negativo.

L’Unesco poi ha un primato in questo campo, primato raggiunto con decenni di vergognose decisioni che non stiamo qui a elencare, perché quella recente supera molte altre.
Non si tratta di una decisione politica, ma di una decisione anti storica e anti religiosa ma politicamente pericolosa. La mozione è stata promossa dai palestinesi. Non sappiamo esattamente quali Paesi abbiano votato a favore, ma sappiamo che gli unici che hanno votato contro sono gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Germania, l’Olanda, la Lituania e l’Estonia. La Francia ha votato a favore, mentre gli altri paesi europei si sono astenuti. Anche l’Italia si è astenuta.

È una decisione anti storica se non altro perché il fatto che in quel luogo vi fosse il Tempio distrutto dai romani di Tito non è contestato ne è contestabile da nessuno.
È una decisione anti religiosa perché i Vangeli scrivono chiaramente sugli interventi di Gesù nel Tempio, e quindi il negare questo fatto oltre a essere anti ebraico è anti cristiano.
È una decisione politicamente pericolosa perché offre un ulteriore motivo alle destre israeliane per affermare che non vi è nessuno con cui parlare.

Promuove un’alleanza fra gli estremisti israeliani e gli estremisti arabi.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Care/ri compagne/gni

    Questa risoluzione è solo una grande stupidata.
    Il vero problema è perchè l’Italia ed altri paesi europei si so no astenuti, se avessero votato contro, come era logico, la risoluzione non sarebbe passata.
    Cosa spera l’Europa da questi atteggiamenti, affari con i paesi arabi? Pia illusione, gli arabi faranno affari la dove gli conviene, il resto non ha mportanza, se fossero veramente interessati, non starebbero combattendo una guerra tra sunniti e sciiti che ha causato centinaia di miliaia di morti e sofferenze indicibili.
    Compagno Maurizio Molinari

Lascia un commento