venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A: top & flop.
I miracoli di Skorupski,
ex ingrato
Pubblicato il 31-10-2016


skoru

Lukasz Skorupski

La Roma non passa a Empoli (0-0): merito delle parate del portiere polacco, in prestito in Toscana proprio dai giallorossi. Ne approfitta la Juventus che, con il gol decisivo del grande ex Higuain, supera 2-1 il Napoli e vola a +4 in classifica sui ragazzi di Spalletti. Ok Milan e Lazio, prima gioia per il Crotone, ancora sconfitta l’Inter: De Boer è al capolinea. Vediamo i top & flop di questa giornata.

TOP – Al terzo posto Jasmin Kurtic: grazie soprattutto alla sua doppietta, l’Atalanta ha battuto 3-0 il Genoa, conquistando la quinta vittoria nelle ultime 6 partite. Alle spalle delle big ci sono i bergamaschi di Gasperini. Al secondo posto Giacomo Bonaventura. E’ grazie alla sua intuizione che il Milan ha avuto la meglio 1-0 sul Pescara: un calcio di punizione dal limite dell’area battuto rasoterra, approfittando del salto della barriera. Un colpo di genio che ha regalato 3 punti preziosi ai rossoneri. E dopo la rete, c’è stata la dedica ai terremotati. Un bellissimo gesto. Al primo posto Lukasz Skorupski. Come detto, il portiere dell’Empoli ha compiuto diverse parate miracolose contro la Roma, in particolare quella al 92’ su El Shaarawy. Uno 0-0 che va stretto ai giallorossi, ma che dà fiducia ai toscani anche se restano i grandi problemi in fase offensiva (solo 2 gol in 11 partite, peggior attacco in Europa).

FLOP – Al terzo posto Daniele Gastaldello. Il capitano del Bologna ha commesso il fallo decisivo nella gara persa in casa 1-0 contro la Fiorentina, causando il rigore poi realizzato da Kalinic e rimediando l’espulsione che ha lasciato i suoi compagni in 10. Partita segnata da quell’episodio. Al secondo posto Mohamed Salah. La sua Roma non è riuscita a superare l’Empoli (come detto, partita finita 0-0) e così nei minuti finali l’attaccante egiziano ha deciso di provare la tattica della simulazione in area. L’arbitro Di Bello non c’è cascato e ha ammonito il giocatore giallorosso. Al primo posto De Boer: sfortunato a Genova nella sconfitta 1-0 contro la Sampdoria, ma il suo periodo all’Inter è ormai finito. Non ha assolutamente lui tutte le colpe della crisi della squadra e il compito era difficilissimo fin dall’inizio (ha preso il posto di Mancini a pochi giorni dall’inizio del campionato), però in più di due mesi non è riuscito a dare la sua impronta ai nerazzurri.

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento