domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sì o No
Pubblicato il 10-10-2016


Fermo restando che ognuno vota come crede il referendum per le revisioni costituzionali, non si può rimanere indifferenti al clima divisivo e maleducato che domina. Se proprio dovevamo scazzarci, non potevamo farlo per il diritto vero alla salute, per l’accesso vero all’istruzione, per la parità salariale tra donne e uomini… invece lo facciamo per l’oscura bicamerale.

Ingenua come sono mi stupisco ancora che il variegato fronte del no sia composto da persone che la Costituzione la odiava per motivi storici come i fascisti, la disprezzava perché espressione della politica centralista di Roma ladrona come i leghisti, la considerava un compromesso in attesa del sol dell’avvenir come i veterocomunisti, la ignorava per manifesta ignoranza come i pentastellati.

Il che a me, tiepidissima e incerta sostenitrice del si, mi conferma che in questo Paese la retroguardia trova sempre volenterosi ascari pronti a combattere battaglie sanguinose nel nome dello status quo.

Tiziana Ficacci
Libere&Laiche

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento