mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Verdini e Zanetti
fanno gruppo unico
Pubblicato il 13-10-2016


verdini-zanettiScelta Civica, il partito fondato da Mario Monti mentre era a Palazzo Chigi fresco di nomina a Senatore a vita, cambia ancora veste. La formazione dell’ex premier, passata ora nelle mani del viceministro dell’Economia Enrico Zanetti uscito che è uscito dal partito portandosi dietro nome e simbolo, si ‘fonde’ alla Camera con i verdiniani dando vita a un gruppo unico sul quale arriva il via libera di Montecitorio. Un ‘placet’ giunto con colpo di scena finale: una lettera inviata all’Ufficio di Presidenza della Camera da Monti in cui il Professore rivendica il diritto esclusivo su nome e simbolo del partito provando a bloccare l’operazione. Ma, alla fine, la spuntano Zanetti e, indirettamente, Denis Verdini. Tra le ire di Monti, che attacca la Camera che ha preso – dice – una “decisione politica su pressione del Pd”.

Indirettamente il senatore Verdini, ex forzista e ex consigliere privilegiato di Silvio Berlusconi, entra in pianta stabile con la maggioranza. Un avvicinamento lento ma constante con il quale ha portato un appoggio, a volte determinante, al governo la cui maggioranza al Senato è stata qualche volte in affanno.

Per ora, tuttavia, la Presidenza di Montecitorio risolve il groviglio giuridico-politico creatosi con l’ultima faida interna ai civici concedendo una deroga a tempo indeterminato al gruppo “Scelta Civica-Verso i Cittadini per l’Italia-Maie” formato da 16 deputati: verdiniani, ‘zanettiani’, l’ex tosiano Marcolin e un membro del Maie. Ai 15 deputati che non hanno seguito Zanetti, restando nel gruppo fino a oggi chiamato Scelta Civica, viene dato “un tempo congruo” affinché si arrivi alle 20 unità necessarie per formare il gruppo. E il nome? Resta in capo a Zanetti mentre gli ormai ex Sc optano per cambiare denominazione: si chiameranno ‘Civici e innovatori’.

Sembra chiudersi, così, una querelle parlamentare che andava avanti da tre mesi. Querelle nella quale, dopo settimane di silenzio, oggi interviene anche Monti tentando di stoppare l’uso del nome del partito da lui fondato per un’operazione “contraria ai valori” di Scelta Civica, attacca l’ex premier. “Mi chiedo se il Mario Monti che oggi bacchetta Sc per l’alleanza con Ala è lo stesso che nel 2013 impose l’alleanza con Fini e Casini”, replica Zanetti pungolando il suo ex alleato. “La sua lettera è stato un incredibile colpo di scena per uno che da tre anni ha abbandonato il partito. E non credo che il suo nome porti un plus di voti oggi”, sottolinea il viceministro spiegando come la sua volontà fosse di tenere solo la denominazione ‘Scelta Civica’ e non ‘Scelta Civica con Monti per l’Italia’.

L’ok della Camera arriva proprio mentre i parlamentari del nuovo gruppo, Verdini compreso, sono riuniti con Marcello Pera per fare il punto sulla campagna referendaria. Sabato i Comitati Liberi Sì terranno una nuova convention a Bologna. È al 4 dicembre, infatti, che guardano Zanetti e Verdini. E ad una proposta politica di stampo liberale che, a dispetto del progetto di Stefano Parisi, ha in Matteo Renzi l’interlocutore principe.

Ma Ala-Sc farà valere il suo peso anche con una proposta elettorale per eliminare il premio alla lista. Un peso che, al Senato, intanto, i verdiniani non faranno mancare in Aula: “Per noi non vale la disciplina di governo”, è il loro ragionamento. Ragionamento curioso visto che il leader del movimento, Zanetti, è viceministro. Ma ognuno si crea le regole che preferisce. O che gli fanno più comodo.  Insomma mani libere. E, con l’ok ufficiale al nuovo gruppo, altri arrivi potrebbero registrarsi. Benché Monti sembri ancora lontano dall’arrendersi alla perdita del suo marchio.

Ginevra Matiz

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento