martedì, 26 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bobo Craxi
Lettera aperta
al presidente del partito
Pubblicato il 23-11-2016


Caro Vizzini,
Quasi due mesi or sono ad una mia richiesta di convocazione dell’Assemblea Nazionale del Partito mi rispondevi, dopo una serie di considerazioni di ordine generale giuridiche e politiche :
“..penso che sia giusto convocare l’Assemblea Nazionale prima del Referendum, in tempo utile per le valutazioni politiche del caso..” Etc.
Naturalmente allo stato ciò non è avvenuto “il tempo utile” non è scaduto e penso che le valutazioni politiche del caso che ritenevi giusto discutere “prima del referendum” siano a tutt’oggi valide perché non sono da considerarsi assorbite dal congelamento degli organi e dal commissariamento di fatto del Partito divenuto un organo politico monocratico.

Questo reca grave nocumento all’indirizzo degli iscritti ed anche nei confronti del gruppo dirigente. La divisione sugli orientamenti referendari è nei fatti, ma l’obbligo di sancirla attraverso un dibattito libero ed aperto di un organismo politico legittimato era un punto di vista comune che tuttavia è stato disatteso.

Per uscire dall’impasse che è di ordine burocratico ma soprattutto di ordine politico di prego di sollecitare una riunione o dell’organismo politico che presiedi o di altro livello per confermare le volontà da te espresse di dare continuità e regolarità alla vita del Partito. Senza una loro vita interna i partiti muoiono di asfissia, una gestione di fatto assolutistica penso non serva alle nostre cause comuni.
Fraternamente

Bobo Craxi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento