martedì, 28 febbraio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ecco a voi l’Italicum due
Pubblicato il 02-11-2016


Se non siamo in grado di prevedere i terremoti, figurarsi se qualcuno è in grado di prevedere se vincerà il sì o il no. Tutto è incerto e assai mobile oggi. Pensiamo al match tra Illary e Trump, che oscilla di continuo e non di poche gradazioni della scala Richter. L’unica novità è costituita dalla decisione ufficiale del Pd di cambiare lo sciagurato Italicum. Si è costituita una commissione con la presenza di un oppositore, Gianni Cuperlo, e anche se è ben vero il senso di quella vecchia massima, e cioè che “se il buon Dio non avesse voluto creare il mondo avrebbe dato mandato a una commissione”, é pur vero che stavolta la commissione non potrà partorire il topolino, altrimenti il gatto Grllo rischia di mangiarsi in un colpo solo Renzi, il governo e il Pd.

A vedere la faccia di Cuperlo che si reca in piazza con la maggioranza pidina e senza i bersaniani, e si lascia andare a un self con la Boschi, pare proprio che la cosa sia fatta. I punti cardine dello sciagurato Italicum verranno cambiati. Innanzitutto l’illogico ballottaggio, come chi scrive reclama dall’inizio. Personalmente ho sempre pensato che l’istituto del ballottaggio si prestasse solo ad eleggere le persone, e cioè i presidenti e i sindaci, mai a definire i contorni di un organo elettivo. Il Pd pare aver cambiato idea sul ballottaggio perché, sondaggi alla mano, teme di far vincere le elezioni a Grillo. Non importa. L’obiettivo, alla fine, é lo stesso.

Che debba esistere per forza un vincitore, dopo elezioni politiche, è tesi altrettanto errata. Questo avviene solo in occasione di elezioni presidenziali, come tra una settimana in America, ma non in occasione di elezioni politiche, che non lo prevedono in America, né in Francia, cioè in sistemi presidenziali o semi presidenziali, né altrove. Dunque sì a un turno unico con un premio di maggioranza sotto il quale nessuno vince e si rendono necessarie coalizioni successive. Come avviene in Germania, in Grecia, in Spagna e come a volte è avvenuto nel Regno unito. Le coalizioni non sono il diavolo. Alfano non è stato l’elemento di destabilizzazione del governo. Lo è stato assai di più il Pd. Pensate che bella stabilità produrrebbe l’attuale Italicum con soli 24 seggi di maggioranza e con l’attuale situazione interna al Pd…

Infine il premio alla coalizione e non alla lista come raccomandato da gennaio nell’apposita proposta di legge dei senatori socialisti. Incredibile davvero concepire una legge a due turni con premio solo alla lista che al primo turno potrebbe conseguire non più del trenta per cento e che al secondo dovrebbe superare il cinquanta grazie agli elettori di altre liste, le quali non solo non si potrebbero suddividere il premio ma, se non hanno raggiunto il 3 per cento, non sarebbero neppure rappresentati in Parlamento. Si formerebbe così la figura dell’elettore perdente di successo, o vincente per sconfitta. Un ossimoro politico invero tutto italiano. Attendiamo fiduciosi la proposta che uscirà dal Nazareno, poi porteremo il nostro contributo per arrivare prima del referendum a sottoscrivere un impegno solenne sul nuovo testo da presentare alla Camera dopo il referendum. Anche per sottrarre dal confronto referendario quel “combinato disposto” che non era certo un’invenzione.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Direttore, intanto Renzi ha respinto la possibilità di rinviare il referendum. Altro errore. Si sarebbe potuto votare in primavera, con altro spirito, animi più sereni e, soprattutto, con un nuovo Italicum.
    Saluti,Mario.

  2. Premesso che mi trovo d’accordo col Direttore quando dice che “Le coalizioni non sono il diavolo”, mi chiedo perché mai, da parte sua, nel parlare di modifica dell’Italicum, non si faccia alcun cenno alla proposta di un ritorno al proporzionale che avrebbe fatto il Cavaliere, stando almeno a quanto si è ascoltato e letto.

    Mi sembrerebbe una proposta da non lasciar cadere, specie da parte dei partiti “minori”, e dalla quale partire per discutere di soglia di sbarramento, in particolare quella riguardante le forze che si presentassero in coalizione, rafforzamento dell’Esecutivo in funzione della governabilità, sistema dei contrappesi.

    Circa la proposta di rinvio del Referendum, cui si accenna nel primo commento, che è stata motivata dalla difficile situazione attuale, penso che – indipendentemente dal condividerla o meno – andasse quantomeno accompagnata dalla ipotesi di un Governo “di larghe intese“, anche senza avvicendamenti alla sua guida, giusto per affrontare con più forza le emergenze o criticità che il Paese ha di fronte

    Paolo B. 02.11.2016

  3. Non so come si faccia ad applaudire all’accordo farsa tra Renzi e l’inconsistente Cuperlo, quando il primo ha umiliato il Parlamento con “canguri” vari e voto di fiducia finale. ed oggi si dice disponibile a rivedere la legge elettorale (prima che sia applicata poi).
    Ne ho viste di giravolte in questa repubblica che voto dal 1961. Ma cose di questo tipo mai.
    Comunque Mauro, contenti voi contenti tutti.
    Io, che non ho mai creduto ai venditori di pentole, so che anche stavolta sarà una presa per i fondelli, sulla quale sono disposto a giocarmi le mutande!

Lascia un commento