giovedì, 27 aprile 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Enrico Rossi e le proposte socialiste… da Sanders
Pubblicato il 25-11-2016


rossi-rivoluzionarioEnrico Rossi, Presidente della Regione Toscana ha lanciato la sua candidatura alla segreteria del Pd già da tempo. Vuole andare al prossimo congresso con un’offerta e delle idee. Ieri, con le Fondazioni Nenni, Buozzi e Einaudi, ha presentato il suo libro-intervista Rivoluzione socialista (Castelvecchi, 128 pagine, 15 euro), scritto con Peppino Caldarola, al nuovo spazio “Mercato Centrale”. Un luogo nuovo, inaugurato da poco – quello di ieri era il primo evento nello spazio conferenze – a Roma (già aperto a Firenze da tempo) che vuole conciliare la cultura con il cibo tradizionale, nell’ex Dopolavoro della Stazione Termini. C’è una stazione anche nella sfida di Rossi al suo partito.

Rossi è convinto che si debba ricominciare dai valori del socialismo classico all’interno della Sinistra in Italia e in Europa. L’esperienza di Bernie Sanders negli Stati Uniti lo ha spronato ancora di più per la sua sfida. Il Movimento socialista attualizzato è al centro delle sue proposte: una critica radicale al capitalismo così com’è, regolazione del mercato, cercare di raggiungere il più possibile la piena occupazione, servizi che siano graduali e gratuiti. Ha portato alla platea esempi concreti, e esperienze personali, legate alla sua esperienza di sindaco di Pontedera, prima, e poi di assessore e di Presidente – non vuole che lo si chiami “governatore – toscano: l’industria, l’agricoltura, la sanità.

Hanno parlato insieme a Rossi il Presidente della Fondazione Einaudi, l’Avvocato Giuseppe Benedetto, e il nostro Presidente Giorgio Benvenuto. Moderava l’evento il direttore di Radio Radicale Alessio Falconio. Ci sono stati anche tre interventi dal pubblico su tematiche d’interesse sociale (il reddito minimo, l’autosufficienza) e sul referendum del 4 dicembre. È stato un dialogo aperto tra socialisti e idee liberali classiche, rappresentate dall’Avvocato Benedetto, che si è soffermato sul tema della giustizia. Benedetto è convinto che il garantismo e il primato della politica debbano essere difesi da lui come liberale e da Rossi come socialista. Il Presidente ha ripetuto che secondo lui “un avviso di garanzia è un avviso di garanzia. L’ho avuto anch’io”. Poi “c’è anche il rinvio a giudizio. Il cittadino finché è in corso l’indagine deve essere tutelato. Facendo il contrario abbiamo distrutto persone e intere carriere”. Secondo Rossi le ferite della crisi della Prima Repubblica sul tema non si sono ancora rimarginate, con una magistratura che è troppo protagonista. Giorgio Benvenuto e Rossi si trovano d’accordo su una politica che legittimi i corpi intermedi. “Sono nel sistema” secondo Benvenuto, “delegittimandoli si regalano voti a forze politiche che sono contro il sistema”.

Il Presidente Rossi è contrario a un prossimo congresso del PD anticipato o “breve e pasticciato”. Dovrà essere un congresso su idee, tesi, documenti per riunificare il PD, dilaniato dalla campagna referendaria. Ha, poi, ribadito che il 4 dicembre voterà Sì. La riforma non lo convince l’ha chiamata “riformetta” e dice: “Renzi ha sbagliato tutta la campagna elettorale”. Il regionalismo degli ultimi anni è stato un fallimento secondo Rossi, un “Federalismo di abbandono”. Una “tribuna nazionale” per le regioni e il nuovi rapporti con lo Stato possono migliorare la situazione.

Mauro Milano
Blog Fondazione Nenni

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento