venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giornali e libri, come fronteggiare il declino di una crisi sempre più forte 
Pubblicato il 15-11-2016


Editoria-finanziamentiLa crisi della carta stampata (giornali e libri) ha assunto ormai da tempo proporzioni preoccupanti. Una crisi ormai sotto gli occhi di tutti: quotidiani e periodici che muoiono o languono . Non solo i giornali nazionali,ma anche quelli  regionali soffrono il calo delle vendite, la costante riduzione delle entrate pubblicitarie, la distribuzione che diventa ogni giorno più selettiva e onerosa. La conversione  dei quotidiani in giornali online, che molte imprese giornalistiche stanno faticosamente attuando, non  garantisce sufficienti  ricavi, in termini di apporti da inserzioni pubblicitarie e di contributi  dei “lettori  informatici”, essendo ancora gratuita (o quasi ) la fruizione  dell’informazione via computer.

Anche nel campo della editoria libraria non si può essere ottimisti .Il mercato del libro in Italia è costantemente in calo .Per fare un solo esempio: nel 2012  si vendevano nei canali noti (librerie,librerie online e grande distribuzione)  oltre 101 milioni di copie,per un fatturato di 1317 milioni di euro; nel 2014 le copie sono state meno di 92 milioni e nel 2015 ancora di meno (-4 % sul 2014 e – 1,9 %  del fatturato) Un mercato dunque in fase declinante ,con una distribuzione asfittica (chiudono le librerie,si riduce la vendita nelle edicole, non decolla, come dovrebbe, il digitale, le case editrici  si fondono e comunque trovano nuove forme di aggregazioni che mettono in crisi il pluralismo ).

Una boccata d’ossigeno è ora arrivata con l’approvazione della legge sull’editoria (istituzione del Fondo per il pluralismo e l’innovazione,ridefinendo i contributi pubblici per l’editoria ,ecc.)  . Servirà questa legge per  contrastare le crisi dell’editoria? E in  che modo?  In quali altri modi  lo Stato può  intervenire ?

Per un’analisi del sistema editoriale il Dipartimento cultura del Psi  e la Fuis (Federazione unitaria degli scrittori) hanno promosso un incontro di esperti e responsabili dei diversi settori e interessi del sistema editoriale italiano. L’incontro si terrà a Roma mercoledì  23 novembre, in piazza Augusto Imperatore, 4 alle ore 16.30.

Breve introduzione, Aldo Forbice

– On. Oreste Pastorelli  (Psi, esperto legge sull’editoria )

– Giancarlo Tartaglia, direttore generale della Fnsi (Federazione della stampa )

–  Maurizio Costa, presidente della Fieg (Federazione editori giornali )

– Edmondo Rho, Consiglio di amministrazione Inpgi

– Testimonianza :  Gaetano Pedullà ,direttore de “La Notizia” (giornale su carta e online)

– Prof. Francesco Mercadante, presidente della Fuis

– Mauro Mazza,giornalista e scrittore

– Elia Fiorillo, giornalista

– Libri / Ev. Intervento  rappresentanti dell’Aie (Associazione imprese editoriali )

– Walter Marossi ,esperto di distribuzione e imprenditore librario nei grandi aeroporti

– Fabio Furnari,direttore editoriale della rivista “I Quaderni di Corus Cafè V e piccolo

Editore.

– Interventi del pubblico

L’incontro sarà coordinato da Aldo Forbice,giornalista e scrittore .

Presiederanno l’on. Oreste  Pastorelli e i presidenti della Fuis, Francesco Mercadante e Natale Antonio Rossi .

L’incontro sarà trasmesso in streaming

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento