domenica, 22 gennaio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Via al decreto fiscale e meno burocrazia per il cittadino
Pubblicato il 16-11-2016


Camera deputatiLa Camera dei Deputati ha approvato il decreto legge fiscale collegato alla legge di bilancio. I voti a favore sono stati 272, i contrari 137. Il provvedimento passa ora al Senato. La Camera in mattinata ha votato la fiducia posta dal governo sul testo uscito dalle commissioni Bilancio e Finanze della Camera. I votanti sono stati 525, i voti favorevoli sono stati 359, i contrari 166. Il decreto (che prevede, tra l’altro, l’abolizione di Equitalia, la rottamazione delle cartelle esattoriali e la nuova finestra per la voluntary disclosure), dovrà essere convertito in legge entro il prossimo 23 dicembre.

Il decreto era tornato dall’Aula in Commissione per un problema di copertura finanziaria su un paio di norme che hanno obbligato il Governo a rinviare ad oggi il via libera al decreto. Da una parte hanno stralciato dal Dl la modifica al regime forfettario per le partite Iva che prevedeva un salvagente per chi oltrepassava il limite di ricavi o compensi. Il Governo non ha superato i dubbi della Ragioneria sollevati a posteriori, ossia dopo il via libera delle stesse commissioni parlamentari. Discorso inverso, invece, per la norma che prevede l’utilizzo del modello F24 per il pagamento di ulteriori tributi locali, anche con strumenti elettronici e per le entrate diverse da quelle tributarie anche sul conto corrente di tesoreria dei comuni. La copertura richiesta dalla Ragioneria e pari a 15 milioni arriverà dal Fondo per interventi di politica economica.

“Il decreto fiscale – ha commentato il deputato del Psi Oreste Pastorelli nel corso delle dichiarazioni di voto – contiene misure tra loro diverse, ma tutte unite da un unico filo conduttore: semplificare la vita dei cittadini diminuendo la burocrazia. Nel provvedimento sono infatti previste misure che ripensano totalmente il rapporto tra il contribuente e l’Erario, dove lo Stato diviene un soggetto con il quale si può collaborare. Un segnale forte, che da tempo si attendeva”. “Nella stessa direzione – prosegue il parlamentare socialista – vanno gli investimenti sulla rete ferroviaria nazionale e regionale e lo sviluppo del settore agroalimentare. E’ evidente, dunque, come l’Esecutivo abbia sempre presente i bisogni e le esigenze dell’imprenditoria agricola, specie in questi anni difficili: in tal senso, riteniamo una scelta corretta quella di facilitare l’accesso delle aziende al credito”.

Restano confermate invece le novità sulla rottamazione delle cartelle e non solo. Saranno ammessi alla sanatoria anche i ruoli affidati fino al 31 dicembre 2016. L’istanza di adesione per chiudere i conti con i concessionari della riscossione senza pagare sanzioni e interessi di mora, dovrà essere presentata entro il 31 marzo 2017. Limite che varrà anche per quanti hanno già depositato la domanda senza beneficiare delle modifiche parlamentari al decreto legge. Tra queste la possibilità di saldare in cinque rate anziché in quattro versando il 70% nel 2017 e il restante 30% nel 2018 e comunque entro il mese di settembre. Si apre poi la strada anche alle multe e ai tributi dei 4.500 Comuni che oggi non riscuotono più con Equitalia. Tra le altre novità le semplificazioni fiscali a partire dall’addio al «tax day» del 16 giugno.

Sui quasi 5mila emendamenti presentati dai gruppi, sono poco meno di 1.500 quelli finiti sotto la scure delle ammissibilità. Circa la metà non ha passato l’esame per estraneità di materia, gli altri per mancanza di copertura. Non ha ottenuto il via libera anche la proposta di modifica avanzata da Ap sul Ponte sullo Stretto, per considerare l’opera una infrastruttura prioritaria per l’interesse del Paese. Bocciata anche quella firmata dal deputato di Scelta Civica, Giulio Cesare Sottanelli, che voleva innalzare da 8 a 30 miliardi la soglia oltre la quale è obbligatoria la trasformazione delle banche popolari in società per azioni. Disco verde, invece, all’emendamento ribattezzato “Airbnb”, che prevede un Registro unico nazionale per i privati che offrono ospitalità nel loro appartamento per un breve periodo, con il pagamento della cedolare secca al 21%. E spunta la tassa comunale per i cani non sterilizzati.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento