sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

LIEVE RIPRESA
Pubblicato il 21-11-2016


Continua la lieve ripresa iniziata lo scorso anno. Le previsioni dell’Istat sull’economia italiana nel 2016 e 2017 fotografano una prosecuzione della ripresa e confermano in sostanza il moderato ottimismo dichiarato dal governo nei giorni scorsi: il Pil del Paese, dice l’istituto di statistica nella nota diffusa oggi, crescerà per quest’anno dello 0,8% e dello 0,9% l’anno prossimo. Dati positivi, ma rivisti in ribasso rispetto alle precedenti stime.

Il traino a questo pur debole incremento è da attribuire soprattutto alla ripresa della domanda interna (+1,2% per quest’anno e +1,1% il prossimo), mentre cala la domanda dall’estero. L’ Istat spiega che «tra l’attuale quadro di previsione e quello presentato a maggio 2016, il tasso di crescita del Pil per l’anno corrente è stato rivisto al ribasso di 0,3 punti percentuali».

L’Istat rende noti questi numeri nel rapporto sulle prospettive per l’economia italiana. L’ Istat spiega che “tra l’attuale quadro di previsione e quello presentato a maggio 2016, il tasso di crescita del Pil per l’anno corrente è stato rivisto al ribasso di 0,3 punti percentuali”. “La stima preliminare del Pil per il terzo trimestre ha mostrato una ripresa dei ritmi produttivi. Le prospettive a breve indicano una prosecuzione della fase di crescita seppure con ritmi più moderati”. Rileva l’Istat: “Una ripresa più accentuata del processo di accumulazione del capitale potrebbe rappresentare un ulteriore stimolo alla crescita economica nel 2017. Tuttavia – sottolinea – le incertezze legate al riaccendersi delle tensioni sui mercati finanziari potrebbero condizionare il percorso di crescita delineato”. Istat: disoccupazione a 11,5% in 2016, a 11,3% in 2017

“L’occupazione aumenterebbe nel 2016 (+0,9% in termini di unità di lavoro) congiuntamente a una riduzione del tasso di disoccupazione (11,5%)”, rispetto ai livelli del 2015 (11,9%). Per l’Istat “i miglioramenti sul mercato del lavoro proseguirebbero anche nel 2017 ma a ritmi più contenuti: le unità di lavoro sono previste in aumento dello 0,6% e la disoccupazione si attesterebbe all’11,3%”. Istat: investimenti corrono, spinti da politiche fisco “Nell’anno in corso si prevede un rafforzamento degli investimenti (+2,0%) e una successiva accelerazione nel 2017 (+2,7%). Oltre che al miglioramento delle attese sulla crescita dell’economia e sulle condizioni del mercato del credito, gli investimenti beneficerebbero delle misure di politica fiscale a supporto delle imprese”. Inps: 11,9 mln dipendenti privati nel 2015, +1,4% Il numero medio dei dipendenti del settore privato non agricolo (esclusi i domestici) nel 2015 è pari a 11,9 milioni, (+1,4% sul 2014 quando erano 11,74 milioni). Lo scrive l’Inps ricordando che si tratta di lavoratori impiegati almeno un giorno ogni mese e spiegando che l’85,69% di questi ha un contratto a tempo indeterminato. La percentuale dei dipendenti con un orario a tempo pieno è del 73,2% (74,1% nel 2014). Nel 2015 i dipendenti con almeno una giornata retribuita nell’anno erano 14,4 milioni (+2,8% sul 2014). Gli operai con almeno un giorno di lavoro retribuito in ogni mese dell’anno sono stati 6,27 milioni, oltre il 52,6% dell’insieme dei lavoratori dipendenti calcolati in media annua (11,9 milioni). Lo si legge nell’Osservatorio dell’Inps sui lavoratori dipendenti del settore privato (esclusi i domestici e gli agricoli). Se si guarda invece ai dipendenti con almeno un giorno lavorativo nell’intero anno (14,45 milioni nel 2015) gli operai sono 7,9 milioni pari al 54,9% del totale. Gli impiegati sono il 37,7% del totale, gli apprendisti e i quadri rispettivamente il 3,1% mentre i dirigenti sono lo 0,8%.

Bene anche la spesa dei consumi delle famiglie che, in termini reali, è stimata in aumento dell’1,2% per quest’anno, sostenuta da un incremento del reddito disponibile e dal miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro. La crescita della spesa dovrebbe continuare, con gli stessi ritmi, anche nel 2017 (+1,1%).

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento