venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

GIUDIZIO SOSPESO
Pubblicato il 15-11-2016


commissione europa

In arrivo il giudizio sulla manovra italiana. La decisione finale sarà presa domani durante il collegio dei commissari: lo ha detto il portavoce della Commissione europea Margaritis Schinas rispondendo a chi gli chiedeva se le opinioni attese per mercoledì fossero già stata finalizzate oppure sarà il collegio di domani  a prendere la decisione.

Ottimista il sottosegretario Gozi. Sul documento programmatico di bilancio per il 2017, il governo si aspetta “una posizione ampiamente favorevole da parte della Commissione” Europea, ha detto, a margine del Consiglio Affari generali. “Siamo molto tranquilli sul negoziato sulla legge di bilancio – ha affermato – siamo convinti che sia una legge di bilancio che risponde alle esigenze degli italiani, le esigenze di competitività, dei giovani, e soprattutto alle esigenze più immediate dell’immigrazione e del terremoto”. Insomma, ha
chiosato , “siamo convinti vada nella direzione giusta e ci aspettiamo anche una posizione ampiamente favorevole da parte della Commissione”, anche se, ha precisato, “chi ha il pallino in mano del negoziato è il ministro Padoan”.

Per alcune fonti invece bisognerà aspettare i primi mesi del 2017 per un parere definito da parte della Commissione europea. Il che darebbe al governo una boccata di ossigeno fino al nuovo anno e affrontare il referendum sulle modifiche alla Costituzione senza preoccuparsi di rispondere ai rilievi dell’Europa sulla manovra del 2017. Lo “spirito costruttivo e positivo” con cui in queste settimane il governo italiano e la Commissione europea hanno dialogato sul documento programmatico di bilancio sarebbe sul punto di produrre i suoi risultati: mercoledì, secondo quanto si apprende a Bruxelles, dovrebbe essere confermata dalla Commissione la decisione di rinviare ai primi mesi del 2017 un giudizio definitivo sui conti pubblici italiani.

Il bilancio italiano per l’anno prossimo rischia di non rispettare le regole del patto di Stabilità e crescita su deficit e debito pubblico, ma l’approccio di Bruxelles sembra orientato non solo a tenere in considerazione tutte le richieste di scorporo delle spese straordinarie dal computo del deficit, ma anche a chiudere momentaneamente un occhio sui punti critici già individuati, come le misure “una tantum” e non strutturali da cui dipende una parte delle entrate e il ritardo nel raggiungimento dell’obiettivo di medio termine di un pareggio strutturale.

Nelle previsioni economiche della scorsa settimana si era evidenziato uno scostamento significativo fra le stime della Commissione e quelle di Roma soprattutto sul debito pubblico, stimato l’anno prossimo al 133,1% del Pil, ancora in crescita, anche se di poco, rispetto al 133% di quest’anno, mentre il governo lo stimava al 132,6% nel 2017, in calo rispetto al 132,8% del 2016. Nei due ultimi anni, inoltre, l’Italia ha già beneficiato di 19 miliardi di flessibilità impegnandosi in cambio a far scendere il deficit dal 2,4% del Pil del 2016 all’1,8% l’anno prossimo. Nel documento programmatico però, a causa dei costi straordinari per le emergenze migranti e terremoto, il deficit/Pil per il 2017 è stimato al 2,3%, che secondo le previsioni Ue sale al 2,4%.

Le dichiarazioni “concilianti” del commissario Moscovici, sulla volontà di “ridurre il divario” fra le stime italiane e quelle europee e sull’intenzione di concedere al governo la possibilità di affrontare “extra deficit” i costi degli eventi straordinari corrispondono con un approccio comunitario che fin dall’inizio del mandato dell’attuale Commissione si è voluto meno rigido sulle politiche di austerità e più incline al rilancio dell’economia con altri mezzi. Oltre al commissario per l’Economia e la Finanza, il socialista francese Pierre Moscovici, responsabile del dossier, a sostenere questa linea e a lavorare a favore delle richieste italiane è stata, in queste settimane, la stessa vicepresidente Federica Mogherini, che la scorsa settimana ha incontrato a Bruxelles il ministro Pier Carlo Padoan. Lo stesso presidente Jean-Claude Juncker rivendica la rottura dell’attuale esecutivo rispetto alla linea “pro austerita’” che aveva caratterizzato la precedente gestione del presidente Josè Manuel Barroso.

La scorsa settimana, è proprio su questo tema che il presidente lussemburghese si è lasciato andare a un’espressione colorita, lamentandosi delle critiche italiane e rispondendo in modo piccato a chi accusa la Commissione di perseguire politiche di austerità: “Lo dicano pure, non mi interessa”, aveva detto, usando l’espressione francese “je m’en fous”, letteralmente “me ne frego”. L’opinione sui conti pubblici nazionali sarà decisa però domani durante la riunione del Collegio dei commissari, del quale fanno parte anche alcuni esponenti di una linea meno accondiscendente. Successivamente, dovrà passare l’esame ancora più difficile del consiglio Ecofin, il prossimo 5 dicembre: non tutti i ministri delle Finanze Ue sono d’accordo con la linea “morbida” decisa dalla Commissione.

Intanto l’Italia ha “confermato la riserva”, ovvero ha sostanzialmente posto il veto, alla proposta di compromesso fatta dalla presidenza slovacca per la revisione di mid-term del bilancio pluriennale della Ue e che il governo non considera accettabile perché mancano garanzie per l’aumento di risorse “a favore delle nostre priorità”: immigrazione,  sicurezza, disoccupazione giovanile o programmi per la ricerca. Lo ha annunciato il sottosegretario Sandro Gozi a margine del Consiglio Affari Generali a Bruxelles.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento