giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Martelli ha ragione
Pubblicato il 30-11-2016


In un editoriale pubblicato sul Quotidiano nazionale (Nazione, il Resto del Carlino, Il Giorno) Claudio Martelli esamina la situazione politica mondiale e trova che “quello di Renzi è praticamente il solo governo di sinistra rimasto al potere in Occidente, perlomeno il solo, a parte il giovane leader liberal canadese Justin Trudeu, di una nazione importante, una nazione del G8”. Per la verità è ancora in carica il governo socialista in Francia, ma le sue probabilità di vittoria alle prossime consultazioni sono pari a zero e i socialisti dovranno limitarsi ad appoggiare Francois Fillon per scongiurare la Le Pen. Martelli sostiene che “questo aspetto concorre a caricare l’appuntamento del 4 dicembre di un significato e di una portata politica generale e internazionale”.

Si tratta di valutare il livello di incidenza di un trend internazionale che vede ovunque trionfare la rivolta di segno populista alle élites politiche tradizionali al potere o candidate al potere. E questi movimenti ovunque erodono consensi tra le classi popolari e dunque in particolare ai partiti di sinistra. A mio avviso questo è determinato dall’intreccio inestricabile, o forse semplicemente non ancora risolto, tra effetti della crisi economica e fenomeno dell’immigrazione che spesso si trasforma in una guerra tra poveri. In Italia gli approdi politici di questa rivolta sono essenzialmente due, e una volta li avremmo entrambi definiti “di nuova destra”: il polo Salvini-Meloni e soprattutto il Movimento Cinque stelle.

Continua Martelli osservando che “questa circostanza sembra non preoccupare minimamente i suoi (di Renzi) compagni di partito, né quelli rimasti, né quelli fuoriusciti dal Pd. Al contrario i vari D’Alema e Bersani, come i Fassina e Civati, mentre contestano a Renzi di non essere abbastanza di sinistra e preparano i bagagli della scissione nel caso vincano i sì, non si danno pensiero del fatto che la sconfitta di Renzi, al di là delle sue colpe, sarebbe anche una sconfitta del loro partito o schieramento e di quel che resta in Europa della sinistra di governo”. Ragionamento ovvio, come logica la conseguenza. E cioè che la posizione dei dissidenti Pd, potremmo aggiungere anche quella, meno preoccupante, dei dissidenti di casa nostra, aprirebbe le porte anche in Italia alla vittoria dei populisti.

E che la vittoria del no, come sostiene Martelli, non sarebbe quella di Bersani e D’Alema, né tanto meno, aggiungo io, di Bobo e di Biscardini, e nemmeno quella di Fassina e Civati, e ancor meno dell’Anpi e della Cgil, ma di Grillo e in parte di Salvini, è elementare. Berlusconi si aggiunge alla pattuglia dei no, nonostante il voto differente dei suoi amici, da Confalonieri a Briatore, passando per Pera e Urbani, con una strategia di avvolgimento del Pd in chiave di ritorno alla unità nazionale. Personalmente penso che difficilmente in Italia, anche con la vittoria del sì, si possa spostare più a sinistra l’asse politico del governo. La riforma dell’Italicum senza il ballottaggio, come è giusto e opportuno che sia, difficilmente consentirà a una lista o a una coalizione di superare la soglia per ottenere il premio di maggioranza. E la scelta più probabile sarà tra uno scenario di stampo tedesco (o spagnolo) e la vittoria dei populisti all’italiana. Noi dovremmo, col nostro voto, almeno scongiurare quest’ultima sventurata eventualità, come giustamente ci invita a fare oggi Claudio Martelli.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Chi fa la fronda a Renzi, con l’aria che tira, con gente come Salvini, Meloni e Di Maio dietro l’angolo, con Trump e Putin al potere, con gli Orban e i Kaczinsky, con le destre estreme in agguato in Germania, Austria, Francia, questi frondisti mi fanno pensare ad alcuni vecchi arnesi dell’Italia liberale, marpioni di vari partiti, i quali fecero di tutto, consapevolmente o meno, per preparare il terreno a Mussolini illudendosi di poterlo usare e manovrare a loro piacimento e di poter continuare a navigare a mezz’acqua. Invece, scavarono la fossa alla Libertà.
    Cordiali saluti, Mario.

  2. Le osservazioni d..i Martelli le trovo adeguate alla situazione, mi chiedo, però: dov’era Martelli? Non lo abbiamo sentito molto, in questi ultimi..tempi? anni? Bene, speriamo che il timore di una deriva totale della politica risvegli lui e altri, che a suo tempo dettero un contributo di buon significato al nostro socialismo, al Paese etc.

Lascia un commento