giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Padoan: In dieci anni 190 miliardi di sommerso
Pubblicato il 23-11-2016


padoanUn paese di grandi poeti, navigatori e evasori. Gli ultimi dati forniti dal ministero dell’Economia rivelano infatti che il sommerso in Italia vale 190 miliardi, pari al 12 per cento del Pil. Tra 2012 e 2014, ha commentato il ministro Pier Carlo Padoan, il tax gap è ammontato a 109,7 miliardi l’anno. “Il gap Iva è pari al 40,5 per cento del mancato gettito tributario”, ha detto il ministro all’inaugurazione dell’anno di studi della Guardia di Finanza. L’evasione fiscale “va contro l’equità e l’inclusione sociale. Nonostante i molti interventi – ha sottolineato Padoan – molto resta ancora da fare nel contrasto all’evasione, che resta una priorità del governo”.

Di fisco ha parlato nella stessa occasione anche il premier Renzi: “La riduzione della pressione fiscale – ha detto – è il caposaldo dell’azione di governo e non è in ragione di un fumo ideologico. Il punto chiave è che l’Italia ha una pressione fiscale insostenibile e la riduzione è il primo modo di affermare la giustizia sociale. Questo disegno organico unito al record della lotta all’evasione fa il governo particolarmente sensibile ai temi del fisco”.

Il ministro Padoan ha aggiunto che “viviamo una fase dominata da un duplice livello di incertezza” dovuta ai cambiamenti provocati dall’innovazione tecnologica e ai cambiamenti politici e geopolitici, ma “di fronte all’incertezza l’immobilismo è la scelta più sbagliata”. Per il ministro dell’Economia “al contrario i governi devono fare scelte chiare e precise” con l’adozione di “una strategia per indirizzare il paese al cambiamento. Il governo lo fa con le riforme e la strategia delle riforme va di pari passo con l’azione di bilancio per la crescita e il risanamento”.

Intanto lo spread riprende a salire in una giornata in cui le borse europee aprono all’insegna della prudenza dopo il record storico toccato da Wall Street. Lo spread è a 179 punti base con il rendimento dei btp decennali al 2,02%.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento