sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Referendum, Renzi: “Non perdere l’occasione”
Pubblicato il 29-11-2016


schede_referendumUltimi giorni di campagna elettorale. Mai un referendum è stato così sentito e al centro dell’attenzione politica del paese. Il premier ha partecipato oggi a un forum al Messaggero: “Per come il costituente ha scritto la costituzione la riforma è di tutti nel momento in cui passa con il 50 per cento più uno, è più che sufficiente. Poi, secondo me, voterà un sacco di gente”. “Gli indecisi stanno decidendo adesso”. “Un cittadino che – dice il premier – non mi vuole bene o che ha un elemento di antipatia personale, quando va in cabina è un cittadino dotato di intelligenza e valutazioni personali e quindi deciderà sulla base di valutazioni personali. Io chiedo solo di entrare in cabina pensando che questa occasione poi non ripassa. I governi passano, le riforme non ripassano”.

Per Renzi “bisogna guardare al merito del quesito e sono convinto che tanti elettori di Lega e M5s lo faranno. Ed è il motivo per cui sono profondamente ottimista”. “Gli italiani votino – ha aggiunto il premier –  la questione dello spread e dei mercati è secondaria. Invito tutti i cittadini a concentrarsi sul quesito non su questioni esterne, non immaginando spread e dintorni. Talvolta anche chi vota sì fa campagna sugli effetti psicologici del voto negativo ma gli italiani sono persone sagge sanno votare con il cervello e con il cuore”.

E sul dopo referendum ha aggiunto: “Quello che accadrà dopo lo vedremo dopo”. “Non è che il governo tecnico funzioni meglio di un governo politico. Facciamo scegliere gli italiani in libertà”.  E sulle dimissioni in casa della vittoria del No ha detto: “Tutte le volte mi fanno questa domanda e poi mi dicono che sto  personalizzando i referendum: quindi o parliamo di me o parliamo del referendum”.

Sul tema è intervenuto anche il ministro Franceschini. “Se è vero che il referendum non è sul governo, ma sulla costituzione – ha detto –  credo che il governo dovrebbe continuare il suo cammino fino a scadenza naturale”. “Tutto questo, naturalmente, incassando una sconfitta politica, perché di questo si tratterebbe: il presidente del consiglio ha messo tutto sulle riforme e Napolitano prese a schiaffi le Camere” su questo tema. “Il governo Letta, prima, e quello Renzi, poi, sono nati per fare le riforme”, ha aggiunto Franceschini.

A sostegno del Sì al referendum, anche il Ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble che ha augurato “successo” al premier italiano. “Renzi fa una riforma costituzionale, o tenta di farla, e devo dire che ho un grande rispetto” per questo, ha detto Schaeuble.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento