venerdì, 22 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Massimo Sagramola:
Yuppi, dal gendarme al Premier
Pubblicato il 11-11-2016


In una cittadina della provincia parmense che in passato ha conosciuto ben altri splendori, “Yuppi”, un cittadino molto conosciuto e benvoluto che già era il titolare del bar storico più bello ed esclusivo (oggi diventato negozio Benetton), ha avuto la sua disavventura, degna di un fumetto di Paperino di Walt Disney, salvo alcuni aspetti veramente tristi.

Sulla sua pagina Facebook alle tre e cinquantasei del mattino, posta una foto di una carrozzina all’interno del pronto soccorso dell’Ospedale di Fidenza e racconta la sua versione dei fatti.

“Dopo la festa del vino nuovo a Bacedasco”..tornato nella sua cittadina, con amici stava cantando una canzone in un bar, un amico stava facendo un video e di striscio ha ripreso due esponenti delle forze dell’ordine al banco. Dopo il dissenso dei gendarmi l’amico di Yuppi si è scusato mentre venivano chiesti i documenti a tutti gli avventori.

Chiamato fuori, Yuppi ha espresso come poteva, il suo, di dissenso e sembra che abbia preso una “sucata” in testa mentre veniva spinto nell’auto di servizio. Alle venti e venticinque scrive di avere male dappertutto e di vedere ancora la faccia dello “scimione” che lo stritolava. Dal referto pubblicato evinciamo che Yuppi è stato visitato in codice giallo dalle ore due e trenta del mattino (lui aggiunge, sorvegliato dai gendarmi fino alle quattro) e dimesso alle diciannove e venti. Il giorno seguente sempre su Facebook una ridda di commenti: da chi afferma di essere testimone dei modi bruschi dei gendarmi a chi si limita a canzonare il povero malcapitato, fino a chi gli chiede se almeno il suo criceto rimasto solo in quelle ore stia bene. Al ritorno in Ospedale per accertamenti riguardo la “batida”, caso vuole che proprio lo stesso giorno il Presidente del Consiglio sia lì per un’evento. Non ci è dato sapere se Yuppi abbia espresso rimostranze al capo del governo, Yuppi è una persona semplice come canterebbe il sommo Vasco.

In ogni modo come come nemesi ha avuto un bella foto con il Premier il quale ha addirittura personalmente impostato lo smartphone di Yuppi sulla modalità selfie visto che il dispositivo era nuovo e Yuppi ovviamente ancora un po’ scosso.

Personalmente ho avuto anche io dei problemi simili a quelli di Yuppi, sempre con i gendarmi di quella cittadina. Ma questa è un’altra storia.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento