martedì, 26 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Siena. Mps, Psi: “Clarich si dimetta dalla presidenza della Fondazione”
Pubblicato il 29-11-2016


Il Partito Socialista di Siena esprime soddisfazione per l’esito dell’assemblea della Banca MPS. Il Psi di Siena ritiene anche che il progetto industriale presentato dall’amministratore delegato Marco Morelli  sia idoneo a portare la Banca “fuori dalle nebbie” e ad evitare il “bail-in” e auspica che abbia successo sia la conversione volontaria delle obbligazioni subordinate, sia il successivo aumento di capitale.

“Dalle prime notizie – si legge in un comunicato della Federazione Provinciale di Siena –  apprendiamo con soddisfazione che hanno già dato l’adesione alla conversione importanti istituti finanziari, con la speranza che lo faccia la totalità dei possessori dei subordinati. Ciò permetterà, anche con la vendita dei crediti deteriorati, di riprendere il normale cammino aziendale senza lo stress continuo di capienza patrimoniale sull’erogazione del credito, insieme ad un ritorno alla redditività”.

“Riteniamo invece – si legge ancora – che siano da approfondire le dichiarazioni rilasciate dal presidente della Fondazione MPS, Clarich, in merito all’impegno della Fondazione sulla banca, parole che non hanno sicuramente giovato al valore in borsa del titolo”.

I Socialisti di Siena chiedano al sindaco Valentini, “che faccia un rapido chiarimento con i deputati di sua nomina e dica ai cittadini senesi se ritiene necessario che la Fondazione MPS debba fare la sua parte nel salvataggio della nostra Banca o si debba comportare come un soggetto solo finanziario, non interessato minimamente, se non in piccolissima parte, alle situazioni di crisi nella nostra provincia, ed a Siena in particolare”.

“Inoltre – conclude la nota – chiediamo formalmente le immediate dimissioni del presidente Clarich dalla presidenza della Fondazione per manifesta dissonanza di vedute con gli enti nominanti”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento