giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Siena, preoccupazione per notizia arresto DG dell’ATO Rifiuti
Pubblicato il 14-11-2016


Il Partito Socialista di Siena esprime preoccupazione per la notizia dell’arresto del DG dell’ATO Rifiuti. Ribadisce di avere fiducia nella magistratura, ma rimane perplesso sulla decisione della restrizione della libertà individuale, sperando che la professionalità dei magistrati abbia ben valutato il provvedimento.
Invece, nella questione della gestione dei rifiuti a Siena, rivendica di aver lanciato un allarme, rimasto inascoltato, sugli abnormi costi fatti pagare ai cittadini della provincia senese da una gestione incontrollata ed autoreferenziale. Provammo anche ad ipotizzare l’inizio di una class action contro gli amministratori, ma rimanemmo soli ed il partito di maggioranza relativa non spese due righe a difendere i propri cittadini.
Crediamo che questi avvenimenti facciano riflettere sul sistema di gestione delle partecipate, ridotte ormai ad essere solo un ufficio di collocamento senza nessun controllo democratico.
Auspichiamo che venga ripristinato il controllo della politica, e quindi dei cittadini, sulle imprese che gestiscono i servizi pubblici, soprattutto quelli ricadenti nel regime di monopolio, riappropriandosi delle aziende e gestirle sotto il controllo di tutte le forze politiche, modificando il sistema di nomine, riportandolo ad una rappresentanza proporzionale all’interno degli organi decisionali.
Solo così potremmo limitare esempi di malcostume, come quello ipotizzato nel sistema della raccolta e smaltimento dei rifiuti, ed impedire quel meccanismo perverso di alleanza fra la cosiddetta “casta” e le imprese private, che invece di controllarsi a vicenda, si accordano ai danni degli utenti, snaturando la libera concorrenza e favorendo il consolidamento di gruppi di potere politico all’ombra di società pagate dai cittadini.
Il PSI senese si batterà sempre e comunque per tutelare le fasce della popolazione più deboli, senza dogmi, ma con l’obbiettivo legato alla sua storia riformista di favorire crescita e sviluppo di tutte le classi sociali.

Giorgio Del Ciondolo
Segretario Provinciale

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento