venerdì, 26 maggio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Austria, l’europeista Van der Bellen fa il bis
Pubblicato il 05-12-2016


vanderbellenBuona la seconda. L’europeista Alexander Van der Bellen ha vinto anche il ‘ballottaggio bis’ delle presidenziali austriache, aumentando addirittura il distacco sul rivale ultranazionalista Norbert Hofer e facendo tirare un sospiro di sollievo a molti in Europa.  Il professore verde si è subito rivolto agli elettori di Hofer per superare la profonda frattura che in questi mesi ha diviso il Paese: “Voglio essere il presidente di tutti gli austriaci”, ha detto nella sua prima intervista televisiva dopo il voto.

In primavera Van der Bellen aveva vinto per una manciata di voti – 30.863 per l’esattezza – solo grazie a quelli per corrispondenza. Irregolarità nello scrutinio avevano poi portato all’annullamento del voto e un difetto delle buste (la colla non teneva) ad un ulteriore rinvio.  Nella campagna più lunga e più sporca di tutti i tempi in Austria, il 72enne ha avuto il fiato più lungo e alla fine non è servito neanche il fotofinish del voto per posta, che sarà scrutinato solo domani. Il professore di economia ha conquistato il 53,3% dei consensi, distaccando nettamente Hofer, che si è fermato al 46,7%.

Van der Bellen è il primo presidente verde in Europa, ma soprattutto è l’uomo che ha fermato l’onda lunga di Trump e della Brexit, che se avesse raggiunto il cuore dell’Europa avrebbe potuto avere effetti devastanti. “Il mio obiettivo per i prossimi sei anni è che i cittadini, che mi incontreranno per strade, in metropolitana oppure in paese, dicano ‘Guarda, il nostro presidente’ e non solo ‘il  presidente'”, ha detto. Il professore ha sottolineato di essersi impegnato per “un’Austria europeista” e di aver vinto grazie ai “vecchi valori di libertà, uguaglianza e solidarietà”.

Ma la partita non si chiude oggi. E così Hofer, dopo aver ammesso la sconfitta e essersi detto “immensamente triste”, ha annunciato la sua candidatura alle elezioni politiche, che con ogni probabilità saranno anticipate alla prossima primavera. Precisando, solo dopo le domande dei giornalisti, che “correrà a sostegno del leader Fpoe, Heinz Christian Strache”.

Paradossalmente la sconfitta potrebbe essere la sua chiave di successo. Hofer ha infatti dimostrato di raggiungere con il suo volto gentile praticamente metà dell’elettorato austriaco. C’è chi ormai vede il ‘golpe’ all’interno della Fpoe dietro l’angolo, i toni di Strache sono ritenuti troppo duri e le sue posizioni troppo estreme per poter mirare alla poltrona di cancelliere, anche se il suo partito nei sondaggi è in netto vantaggio. Il cancelliere socialdemocratico Christian Kern si è detto soddisfatto del successo di Alexander Van der Bellen alle presidenziali. “Sono convinto che sarà un presidente che rappresenterà egregiamente l’Austria all’estero come anche all’interno”, ha detto.

“La vittoria di Van Der Bellen in Austria è davvero una bella notizia per l’Europa”. È stato il commento del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento