lunedì, 26 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bobo Craxi
La fase politica è cambiata: ora un Congresso straordinario del Psi
Pubblicato il 15-12-2016


Caro Nencini, caro Vizzini, la crisi politica della coalizione, apertasi dopo la sconfitta referendaria, investe anche la nostra responsabilità e ci obbliga a un’azione politica per il futuro, che determini un nuovo possibile ruolo per i socialisti italiani.

La soluzione di un Governo che copra un vuoto politico e garantisca la stabilità e gli impegni di natura interna ed internazionale nella discontinuità, penso sia il percorso che significativamente il Capo dello Stato abbia giustamente intrapreso. Sono naturalmente per reiterare una richiesta di convocazione di un organo politico, che analizzi la fase e lo sappia fare in coerenza con una legittimità di fatto, che è rappresentata dai socialisti che si sono battuti in fronti avversi nel referendum e che hanno, pur nella difformità delle loro opinioni, mostrato la nostra vitalità.

Penso che per ricucire doverosamente la comunità socialista possa essere utile e indispensabile darci un appuntamento politico straordinario, di rilancio e di rafforzamento per le elezioni, che si preannunciano, in ogni caso, alle porte. Un Congresso che non drammatizzi le nostre difficoltà, ma che al contrario faccia tesoro delle nostre esperienze, degli errori e delle opportunità che si aprono per i socialisti italiani nella nuova e complessa fase politica che si é aperta nel Paese. Penso che la riflessione debba essere comune e che gli obiettivi non potranno che confermarsi tali, una piccola comunità, se unita, può allargare il proprio orizzonte e rivolgersi anche a un popolo più vasto. Un Congresso aperto, dunque con regole nuove e convincenti per tutti, in un percorso di marcia nuovo e inclusivo. Mi auguro sappiate fare vostre queste mie brevi riflessioni. Fraternamente”.

Vittorio Bobo Craxi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Toni apprezabili, ipotesi condivisibili. Non saprei se la “macchina burocratica” del Congresso sia in sintonia di un’azione veloce, forse ci sono altre forme egualmente efficaci. Quel che conta è percorrere le strade di Unitù ed Autonomia

Lascia un commento