sabato, 27 maggio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dichiarazione di voto di Pia Locatelli al governo Gentiloni
Pubblicato il 13-12-2016


Signora Presidente, Presidente del Consiglio,

Avevamo indicato al Presidente  della Repubblica la necessità di una figura dal profilo internazionale e lei, per la sua storia di serio professionista della politica, per la sua esperienza a livello internazionale, per il suo stile che senza dubbio rappresenta un elemento di rottura con il passato più recente, è persona che ci rassicura.
Avevamo anche fatto presente al Presidente della Repubblica la necessità, in questo difficile passaggio, di una responsabilità corale, che però non ha trovato consenso tra le forze politiche. Noi socialisti ribadiamo la necessità di perseguire questo obiettivo in particolare nel momento in cui saremo chiamati a definire  la nuova legge elettorale l’armonizzazione delle leggi di Camera e Senato. Bisogna creare le condizioni perché le regole del gioco siano stabilite con il consenso il più largo possibile e senza azioni di forza. Noi socialisti abbiamo già avanzato una proposta che si pone l’obiettivo di contemperare rappresentatività e governabilità, ed insieme consentire a cittadine e cittadini di scegliere in modo più diretto e consapevole i propri rappresentanti parlamentari. La mettiamo a disposizione.
Delle urgenze più urgenti abbiamo già detto nel dibattito, ricordiamo la lotta alla povertà estrema cui aggiungiamo quella da lei indicata per prima: gli interventi nelle zone colpite dal terremoto.
Per gli appuntamenti internazionali, condividiamo quanto da lei illustrato.
Infine mi consenta di esprimere una certa delusione che credo di potermi consentire per il rapporto di lealtà nei suoi confronti. Come le avevamo detto nell’incontro che lei ha voluto con i gruppi parlamentari, abbiamo sperato che il suo governo tornasse all’applicazione del principio paritario nella sua composizione. Invece le figure femminili di grande competenza che noi apprezziamo sono rimaste al di sotto della soglia minima di un terzo che è considerata la massa critica necessaria perché la voce femminile abbia il peso che merita. Ne siamo dispiaciute e ci auguriamo che lei ponga rimedio a questo squilibrio, perché tale è, nel completamento della squadra di governo.
La componente socialista voterà la fiducia

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento