giovedì, 29 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Gentiloni-Raggi, vuoti
a perdere
Pubblicato il 20-12-2016


1195833 : (Vincenzo Tersigni / EIDON), 2016-06-22 Roma - Virginia Raggi. Primo giorno da sindaco con la fascia tricolore - Virginia Raggi, Maria Elena Boschi

(Vincenzo Tersigni / EIDON) Virginia Raggi e Maria Elena Boschi

Il governo Gentiloni potrebbe durare appena 4-5 mesi o forse meno. Il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio non ha usato perifrasi: “Penso che la primavera sia la scadenza in cui andremo alle elezioni, ma decide il presidente della Repubblica”. Matteo Renzi, predecessore di Paolo Gentiloni alla presidenza del Consiglio e segretario del Pd, vorrebbe andare a votare in tempi rapidi: tra aprile e giugno del 2017.
Il perché lo ha spiegato bene il ministro del Lavoro Giuliano Poletti: “Mi sembra che l’atteggiamento prevalente sia quello di andare a votare presto, quindi prima del referendum sul Jobs act”. La considerazione, successivamente in parte rettificata, fa emergere la nuova paura di Renzi: perdere il referendum sulla riforma del mercato del lavoro dopo la sconfitta già subita nella consultazione del 4 dicembre sulla revisione della Costituzione.
Il segretario del Pd ha pronta la contromossa. La Consulta dovrebbe decidere l’11 gennaio la data del referendum chiesto dalla Cgil per abolire il Jobs act e Renzi punta sulle elezioni politiche anticipate per far slittare al 2018 il pericoloso appuntamento referendario. Teme il disastro totale e cerca di evitarlo: con il referendum sulla riforma costituzionale è stato sfrattato dalla presidenza del Consiglio, con quello sul Jobs act rischia di perdere anche la segreteria dei democratici. La riforma del mercato del lavoro non piace a molti italiani e una nuova batosta referendaria decreterebbe la sua morte politica.
Gentiloni, amico e già stretto collaboratore di Renzi, è prudente. Il presidente del Consiglio, chiedendo il voto di fiducia alla Camera il 13 dicembre, ha definito il suo governo “di responsabilità” con una vita legata a “fin quando avrà la fiducia del Parlamento”. Già, fino a quando “avrà la fiducia del Parlamento”.
Il conto alla rovescia è già cominciato. Per aprire in tempi rapidi le urne si sta formando un folto schieramento anche se eterogeneo: il Pd renziano, il M5S di Beppe Grillo, la Lega Nord di Matteo Salvini, Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Forza Italia di Silvio Berlusconi, i vari centristi di maggioranza e di opposizione, le sinistre di Nichi Vendola e Stefano Fassina, le minoranza del Pd sarebbero invece per arrivare alla fine della legislatura all’inizio del 2018.
In una situazione molto difficile, molto più precaria di quella di Gentiloni è Virginia Raggi. La sindaca grillina di Roma, eletta appena sei mesi fa a furor di popolo a guidare il Campidoglio, sta naufragando nel caos amministrativo, politico e giudiziario. Tangenti, arresti per corruzione, dimissioni a catena nella giunta e nelle aziende municipalizzate di servizi pubblici chiave come Atac (trasporto urbano) e Ama (rifiuti), si sono abbattuti sulla testa della prima cittadina della metropoli. Ha perso i più stretti collaboratori, è stata messa sotto accusa da gran parte del M5S della capitale e dallo stesso Grillo.
La Raggi è sotto assedio e il peggio potrebbe presto arrivare sotto forma di una pericolosa tegola giudiziaria. Fino a poco tempo fa assicurava: “Non mollo”. Adesso è cauta: “Se mi arriverà un avviso di garanzia? Valuterò”, Le accuse cinquestelle contro di lei e l’arrivo in giunta di uomini stimati da Davide Casaleggio e da Grillo? Gioca in difesa: “Non sono commissariata e mi sento ancora dentro il M5S”.
Sia Paolo Gentiloni sia Virginia Raggi sono appesi a un filo, sono come due vuoti a perdere. Il primo e la seconda sono due specchi di due diverse crisi: quella del Pd e quella del M5S. Il presidente del Consiglio è il volto della crisi del Pd renziano, la maggiore forza del Parlamento e del governo, il baricentro del sistema politico italiano. La sindaca di Roma è l’emblema della crisi del M5S, la maggiore forza dell’opposizione, la testa d’ariete della protesta anti sistema.

Rodolfo Ruocco

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento