lunedì, 20 febbraio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Interrogazione caso Marra di Enrico Buemi
Pubblicato il 21-12-2016


Interrogazione sul caso Marra e il Fatto Quotidiano presentata dal Senatore socialista Enrico Buemi al Ministro della Giustizia, Andrea Orlando.

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA
Al Ministro della giustizia. – Premessa la seguente scansione della copertura offerta dal “Fatto quotidiano”, in rapporto allo scandalo Marra:
– il 16 dicembre 2016 un articolo a firma Marco Lillo e Valeria Pacelli dà conto, come tutti gli altri organi d’informazione di quel giorno, del fatto che “intercettando così Scarpellini e una sua collaboratrice, (…), vengono fuori i contatti con Marra. Il 30 giugno il funzionario chiama (…): teme di essere rimosso dal suo incarico a causa di una “campagna di stampa” e chiede un intervento di Scarpellini – che non ci sarà – sull’editore del Messaggero, Francesco Gaetano Caltagirone”;
– il 17 dicembre 2016, in un articolo di prima pagina a firma Marco Travaglio (“Sala di rianimazione”) si dichiara, in ordine al Marra, che la sindaca Raggi “l’aveva nominato senza sapere – né poter sapere – nulla di quel fatto, scoperto dalla Procura di Roma con intercettazioni” e che i vertici del Campidoglio “non sono accusati né indagati di nulla e non si sa bene di che debbano rispondere, a parte dell’essersi fidati di un dirigente mai inquisito né sospettato di corruzione fino all’altroieri” (…) Su Marra invece nulla risultava, né sotto il profilo penale né sotto quello amministrativo”;
– il 17 dicembre 2016 un altro articolo (Antonio Massari, “Così parlò Marra: le bugie e l’incontro con Di Maio”) rivela i due tagli imposti dal Fatto quotidiano ad una intervista resa il 5 novembre precedente da Raffaele Marra al Fatto quotidiano. In un caso, si trattò di un “dettaglio che, per ragioni di spazio, rimase fuori dalla nostra intervista”. In un secondo caso, “altro non fu pubblicato perché non ci aveva convinto. A partire dalla menzogna oggi più evidente. Mentiva, Marra, quando diceva che non sentiva “da tre o quattro anni” l’uomo che due giorni fa è stato arrestato con lui per corruzione. Se non ci parlava direttamente, gli atti di indagine dimostrano che solo sei mesi fa, il 30 giugno, si rivolgeva alla sua segretaria, (…), per chiedere l’intercessione dell’immobiliarista nei confronti dei giornali del gruppo Caltagirone, che lo avevano preso di mira. Non se l’è bevuta Il Fatto Quotidiano che non riportò questa frase nell’intervista, e l’inchiesta ci ha dato ragione”;
– il 17 novembre 2016 un terzo articolo sullo stesso giornale (Marco Lillo e Valeria Pacelli, “Marra, gli strani affari a Malta tra contanti, scommesse e barche”) afferma che “il 5 novembre esce un’intervista a Marra di Valeria Pacelli e Antonio Massari che non ha fatto sconti a Marra, costretto a rispondere su tutto”;
si chiede di sapere:
– come facesse la redazione del Fatto quotidiano a considerare menzognera l’affermazione del Marra, circa l’assenza di rapporti recenti con lo Scarpellini, se non disponendo direttamente – al momento dell’intervista del 5 novembre – degli atti di indagine compiuti il 30 giugno (come di fatto ammesso nell’articolo “Così parlò Marra: le bugie e l’incontro con Di Maio”);
– chi siano i pubblici ufficiali che – dall’addetto all’intercettazione al titolare del fascicolo processuale nel quale i suoi contenuti sono stati riversati, compresi tutti i soggetti intermedi coinvolti nella procedura – erano a conoscenza il 5 novembre 2016 delle parole di Raffaele Marra, captate nella giornata del 30 giugno 2016;
– se una conclusione così dirompente per la deontologia giornalistica, quale la scelta di non pubblicare una parte del contenuto di un’intervista, non abbia potuto mettere sull’avviso l’intervistato e, pertanto, se essa, assunta consapevolmente, configuri dolo eventuale di fattispecie ulteriori e più gravi, rispetto alla mera divulgazione del contenuto di atti di indagine coperti da segreto.

Enrico Buemi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento